Morto prematuramente il senatore Antonino Caruso, consigliere della Fondazione An

giovedì 2 Aprile 23:12 - di Antonio Pannullo
antonino caruso

“Apprendiamo con grande tristezza la notizia dell’improvvisa scomparsa del senatore Antonino Caruso. A nome mio e di tutta la comunità umana e politica di Fratelli d’Italia desideriamo esprimere cordoglio e vicinanza alla sua famiglia e ai suoi cari. Il senatore Caruso è stato tra i fondatori di Fratelli d’Italia e tra i più capaci e validi esponenti del nostro movimento. Un uomo di altri tempi, un Patriota convinto e capace, uno straordinario professionista. Ci mancherà molto”. Lo ha detto in serata Giorgia Meloni sulla sua pagina facebook.

Antonino Caruso era un’avvocato di prim’ordine

Antonino Caruso, avvocato e parlamentare, era consigliere in carica della Fondazione Alleanza nazionale. Classe 1950, è morto prematuramente per un attacco cardiaco. Era stato senatore di Alleanza nazionale e del Popolo delle Libertà per quattro legislature, sempre nella circoscizione Lombardia. La prima elezione al Senato risale al 1996. Qui fece subito parte della 2a commissione permanente Giustizia nonché componente di altre commissioni parlamentari. Fu poi confermato nel 2001, 2006 e 2008, quest’ultima con il PdL.

Tra i fondatori di Fratelli d’Italia, ne curò lo statuto

Come ha ricordato Giorgia Meloni, nel 2012 lasciò il gruppo parlamentare del PdL insieme ad altri dieci senatori, per costituire il gruppo chiamato Centrodestra nazionale, che raccoglieva una parte di ex di Alleanza nazionale e una parte di critici nei confronti del governo Monti. E fu proprio da questo gruppo parlamentare che nacque quello che è oggi Fratelli d’Italia.  Questo gruppo era stato ispirato da Ignazio La Russa, già coordinatore nazionale del PdL e già reggente di Alleanza nazionale. Tra le sue moltissime iniziative legislative, ci piace ricordare quella relativa alla modifica dell’ articolo 200 del codice di procedura penale in materia di tutela del segreto professionale dei giornalisti, oltre a iniziative per la famiglia.

Successivamente Caruso entrò nella Fondazione Alleanza nazionale, facendosi subito apprezzare per la sua competenza giuridica e per il suo rigore professionale. Tra l’altro realizzò lo statuto della Fondazione An e in seguito collaborò e revisionò anche lo statuto di Fratelli d’Italia.

Il dolore dell’amico di sempre Ignazio La Russa

Ignazio La Russa, suo fraterno amico si può dire da generazioni, lo ricorda con molto affetto: “Sì, mio padre e suo padre studiarono insieme a Catania, poi si trasferirono a Milano. Suo padre era giudice di Cassazione. A Milano Caruso si avvicinò al Msi e fu tra l’altro uno dei fondatori della famosa Radio University. Successivamente si avvicinò alla politica attiva diventando prima consigliere provinciale e poi senatore. Era di una competenza professionale spaventosa e sempre disponbile, era il suo carattere. Anche in Senato fece cose egregie e tutti lo ricordano con grandi affetto e stima. Mancherà moltissimo a tutti noi”.

Antonino Caruso lascia la moglie Paola e la figlia Ludovica, Lulù, che ora aspetta un bambino. Alla famiglia vadano le condoglianze più sincere della Fondazione Alleanza nazionale, di Fratelli d’italia, della redazione e direzione del Secolo d’Italia e della nostra comunità.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Walter picco Bellazzi 3 Aprile 2020

    Un grande uomo e un grande amico mi ha lasciato
    Lo ricorderò sempre per la sua grande intelligenza, preparazione giuridica, disponibilità ed umanità
    Mancherà a tutti!

  • 3 Aprile 2020

    Condoglianze ai familiari di un grande uomo e di un grande patriota !

  • sergio la terza 3 Aprile 2020

    PRESENTE!

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica