L’ultima vergogna: 85mila immigrati in hotel e i senzatetto italiani abbandonati per strada

sabato 4 aprile 14:17 - di Redazione
senzatetto

Ha fatto discutere la circolare del ministero dell’Interno che permette a tutti i migranti, anche a chi non ha il titolo di restare in Italia, in questi terribili momenti di emergenza. «Con la scusa del coronavirus, 85mila clandestini rimangono negli hotel per finti profughi, invece i nostri senzatetto restano per strada. Che Paese è il nostro che mantiene stranieri e abbandona gli italiani? È come un padre che invece di mantenere i figli suoi andasse a mantenere quelli dei vicini di casa e lasciasse i suoi morire di stenti, questo fa lo Stato Italiano ed è una vergogna». Come pubblicato su Watch, la community Facebook “Richiesta di risarcimento danni alle Ong” commenta l’articolo corredato da video del Giornale “Il virus nel girone dei disperati sempre più italiani per strada”. Per rendersi conto di qual è la situazione basta leggere il reportage.

Senzatetto, l’intervento della Croce Rossa

Ecco la situazione dei senzatetto. «“State a casa” – scrive il Giornale – si legge sulle lenzuola appese dai balconi. Chissà cosa avrà pensato Concetta mentre lo leggeva dal basso verso l’alto. Stesa sul suo letto di cartone. “Sono qui dal due di marzo” ci racconta mentre i ragazzi della Croce Rossa Italiana le stendono una coperta sulle gambe. Per “qui” intende lo scalino di un bar chiuso a Largo Torre Argentina, Roma. “Ad aprile dovrò andarmene, riapriranno”, dice. Il proprietario di quell’attività sa bene già da tempo che non è così. A lei, che vive per strada senza essere travolta dall’ondata di notizie, rimane ancora quella speranza che tutto sia già finito e l’unica cosa a travolgerla in queste notti di inizio aprile è il freddo che ancora non lascia spazio alla primavera. Un vera congiura».

Per i migranti vitto e alloggio

Intanto osserva la community “Richiesta di risarcimento danni alle Ong”, migliaia di immigrati rimangono in hotel. Vitto e alloggio pagato dagli italiani. Ci costa 100 milioni di euro al mese. Circa 1,2 miliardi di euro all’anno. Il triplo di quanto questo governo ha destinato al bonus spesa per i poveri. Che poi, come già detto, finirà anche questo agli immigrati». E poi ancora: «Invece di rimpatriarli, anche perché sono un pericolo per la diffusione del virus, li tengono tutti negli hotel. Lo ha reso noto una circolare inviata ai prefetti dal Viminale con la scusa della prevenzione “della diffusione del virus Covid-19 nell’ambito del sistema di accoglienza dei richiedenti protezione internazionale e dei centri di permanenza per il rimpatrio”».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Nando 14 aprile 2020

    Ci sono ancora 85 mila migranti? Pensavo che Salvini nell’anno e mezzo che è stato ministro dell’interno gli avesse, come aveva promesso, mandati tutti via

  • Mariano Luigi Serraggiotto 5 aprile 2020

    Forse oggi è realmente arrivato il momento di guardarci tutti negli occhi ,senza guardare destra sinistra centro sopra ho sotto , darci realmente una mano tutti per il bene di tutti dimenticando interessi personali ho di bottega .Senza questo tipo di pensiero che potremmo definire sociale questo paese non andrà da nessuna parte troppi anni di scontri politici ,ma sopratutto troppi scontri non produttivi sterili ,oggi in questo paese abbiamo tutti ragione e sbagliamo tutti ,la verità è siamo messi male .
    Solo una cosa mi lascia sereno in questi giorni ,non avere figli ,sapere che mia madre e mio padre mi guardano dal cielo mio padre a attraversato 2 guerre mondiali mia mamma 1 la storia insegna molte cose ,sopratutto che non abbiamo bisogno di altri 8 settembre della politica oggi i migliori Italiani devono lavorare assieme ,senza guardare appartenenza politica religiosa ed altro per aiutare anche quelli meno bravi ho meno fortunati ,questo farà realmente la differenza per il nostro paese .
    Un saluto Mariano Luigi

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica