Le società di serie A: il campionato deve riprendere. Palla al governo

21 Apr 2020 16:43 - di Redazione

L’Assemblea della Lega Serie A si è riunita questa mattina e ha confermato, con voto unanime di tutte le venti Società collegate in video conferenza, l’intenzione di portare a termine la stagione sportiva 2019-2020. Sempre qualora il Governo ne consenta lo svolgimento, nel pieno rispetto delle norme a tutela della salute e della sicurezza”. Così la Lega di Serie A in una nota al termine dell’Assemblea delle venti società di calcio, bloccato dalla crisi del coronavirus.

“La ripresa dell’attività sportiva -aggiunge la Lega Serie A-, nella cosiddetta Fase 2, come già evidenziato in passato, avverrà in ossequio alle indicazioni di Fifa e Uefa, alle determinazioni della Figc, nonché in conformità ai protocolli medici a tutela dei calciatori e di tutti gli addetti ai lavori”.

Cottarelli: riprendere in sicurezza

“Sono del parere che bisogna riaprire gradualmente con il massimo della sicurezza, sentire il parere di chi
dice che è rischioso aprire il calcio a porte chiuse”. Lo afferma a Radio Punto Nuovo Sport Show l’economista Carlo Cottarelli, già commissario alla spending review durante il governo Renzi.”L’onda di contagi sta scendendo rapidamente quindi è giusto poter riaprire, gradualmente, tutte le attività calcio compreso. Tutto il settore dello sport, attività dello spettacolo e turismo, sta risentendo della crisi. C’è il valore del calcio che va anche al di là dei soldi, per chi è tifoso. C’è l’aspetto commerciale, lo sport è un’industria, ma per me lo sport va molto al di là dell’aspetto commerciale. E’ una passione -conclude- che è giusto vada oltre gli aspetti commerciali che sono comunque importanti, perché una società deve tenersi in vita”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA