Le figuracce dei Cinquestelle non finiscono mai: ecco cosa dicevano del loro “caro” Descalzi (video)

23 Apr 2020 12:22 - di Mia Fenice
5S

Il governo Pd-5S conferma l‘ad di Eni Claudio Descalzi, che così è al suo terzo mandato. Eppure i grillini fino a poco tempo fa la pensavano diversamente. Stefania Zampelli, europarlamentare della Lega, pubblica sulla sua pagina Fb un video che mostra le camaleontiche trasformazioni del M5S. Ecco le giravolte dei 5S. «Camaleonti – scrive Zampelli – Questo video vi fa capire “l’evoluzione” dei grillini. Dovevano essere la ventata d’aria nuova in politica, contro la casta, i paladini del popolo. Oggi sono ufficialmente i più marci del sistema a braccetto con i loro nuovi alleati piddini che fino all’anno scorso denunciavano e facevano arrestare. Ovviamente spartizione di poltrone vergognoso mentre ad imprese e cassintegrati non è arrivato 1€».

Le giravolte dei 5S

Nel video vengono riportate le dichiarazioni di Alessandro Di Battista, Beppe Grillo e Paola Taverna fatte nel 2014, quando il M5S era all’opposizione. Il primo era stato intervistato l’11 settembre 2014 all’indomani dell’inchiesta della procura di Milano sui vertici Eni. Il giornalista chiedeva a Di Battista: «Come reagirà il M5S?». Ecco come rispondeva Dibba. «Il M5S ha chiesto le dimissioni di De Scalzi il 16 giugno 2013. Dopo Scaroni il governo ha nominato Descalzi, in piena continuità con Scaroni, che oggi è indagato. Quello che chiediamo è che venga commissariata Eni, perché c’è del marcio. Non tra i dipendenti ma tra i vertici. Eni va commissariata perché c’è malaffare all’interno».

Grillo: «Questa gente non può accedere a cariche pubbliche»

E Grillo in un’altra intervista diceva: «Su Descalzi penso il male possibile. Questa gente qui non può accedere a cariche di imprese pubbliche. Non si può. È gente che è sott’inchiesta. Qui si sono divisi miliardi di tangenti». E Paola Taverna in un tweet l’11 settembre 2014 scriveva: «Scandalo Eni: colpa del governo se l’inquisito Descalzi è ancora lì». Ma da allora ne è passata di acqua sotto i ponti. Ora i 5stelle sono al governo col Pd e pur di restare attaccati alla poltrona hanno dimenticato le vecchie battaglie.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • biagio 24 Aprile 2020

    Con la giusta quantità di zucchero, Di Maio & Company, possono ingoiare di tutto, è solamente questione di prezzo.

  • Alberto Grotti 23 Aprile 2020

    vorrei gentilmente chiedere al Ministro Fraccaro, durante l’incontro concesso a Descalzi,se ENI ha indicato i suoi investimenti sulle Rinnovabili ? Il piano ENI al 2050 indica in graduali incremento su OIL&GAS con circa il 90 % di investimenti , mentre solo il 10 % sula Decarbonizzazione .( da Re-Common,Valori,)
    Praticamente ENI continua il suo tram tram sia in Ricerca-Perforazioni.Raffinazione-Trasporto-Finanza-Vendite colla Pubblicità ENI+Luca,Silvia etcetera ? senza considerare gli Accordi di Parigi:
    Avete avuto qualche garanzia sul Cambiamento degli Investimenti di ENI ?
    Mi scuso e Vi saluto cordialmente

  • SUGERITI DA TABOOLA