FdI: “La Ue si è mossa tardi e male. No al Mes, sì al Recovery fund”

16 Apr 2020 15:25 - di Redazione

“La Ue si è mossa troppo tardi e male, evidenziando miopia, incapacità di coordinamento ed egoismi nazionali. Come dimostrato dalla tardiva chiusura dei voli dalla Cina, dalle gravissime dichiarazioni della Lagarde, dal blocco delle esportazioni di mascherine e dalle limitazioni del traffico merci alle frontiere. Per troppe settimane si è pensato che fosse solo un problema italiano e magari l’occasione buona per avvantaggiarsene ai danni dell’Italia, poi il problema è arrivato in Francia e Germania e magicamente sono saltate le storiche rigidità su patto di stabilità, aiuti di stato e fondi strutturali. Meglio tardi che mai”. È quanto dichiarano il Co-Presidente del gruppo ECR Raffaele Fitto e il Capodelegazione di Fratelli d’Italia al Parlamento Europeo Carlo Fidanza, a margine della Plenaria del Parlamento Europeo in corso a Bruxelles.

Covid-19, “Vertici Ue hanno gravi responsabilità”

“Ora abbiamo un pacchetto di proposte per il Consiglio. La nostra posizione è chiara: si’ al fondo per la ricostruzione con debito comune, si’ ai finanziamenti della BEI, ma no al MES. Lo abbiamo conosciuto e non ci fidiamo, liquidiamolo e restituiamo ad ogni Stato la propria quota da spendere subito per sostenere la ripresa. Ci preoccupa ascoltare i vertici europei insistere ideologicamente sul Green Deal, come se nulla fosse avvenuto in queste settimane. La priorità di Fratelli d’Italia è salvare il nostro tessuto produttivo dalla desertificazione. Renderlo più sostenibile con incentivi, non certo caricarlo di nuova burocrazia e nuovi costi.  E infine chiediamo di difendere i confini. Perché è inaccettabile che mentre chiudiamo gli europei dentro casa ci siano le ONG libere di scorrazzare nel Mediterraneo per portarci migliaia di nuovi clandestini”. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA