Parchi chiusi a Roma e Milano. A Bari il sindaco caccia via i giovani dal Parco 2 giugno (video)

venerdì 13 Marzo 18:13 - di Redazione

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha deciso di chiudere i parchi della città.  “È necessario farlo, non possiamo estendere la stessa regola ai parchi non recintati. Ma invito tutti a un comportamento in linea con le regole stabilite”. Stessa ordinanza a breve anche a Roma.

“Stiamo lavorando – afferma il sindaco di Roma Virginia Raggi – ad un’ordinanza per la chiusura di parchi e ville recintate. Su Villa Borghese, dal momento che non è recintata, intensificheremo i controlli della polizia locale per evitare assembramenti”. ”Le persone vanno ancora nei parchi – ha aggiunto -complice il bel tempo e alcune indicazioni contrastanti, abbiamo sentito ministri dire che si può andare nei parchi a passeggiare anche se da soli. E’ una misura dura ma questo non è il momento di uscire”.

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana si fa portatore dell’istanza di molti sindaci lombardi: vanno chiusi i parchi e i mercati all’aperto. Dice Fontana: “Ho fatto una richiesta specifica al governo, quindi mi aspetto a breve una risposta di chiarimento. Questo nuovo intervento del Governo – dice Fontana – può servire a far capire ai cittadini che siamo in una situazione seria. Che non si deve assolutamente sottovalutare il problema”.

Parchi cittadini chiusi da oggi fino al 3 aprile e sanificazione straordinaria della strade, anche a Rimini. Lo stesso accade a Bari, dove il sindaco Antonio Decaro ha chiuso i parchi cittadini per evitare la diffusione del contagio. E’ entrato lui stesso come documentato con un video su facebook nel Parco 2 Giugno, quello più popolare, a invitare le persone a uscire. Molti i ragazzi che stavano facendo attività sportiva, benché alcuni isolati tra di loro. Alla fine ha chiuso materialmente uno dei cancelli di ingresso. “Forse non ci siamo capiti”, ha scritto sul social network. ”Questa è una emergenza, non una vacanza. Tutti a casa. I parchi da oggi sono chiusi”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *