Napoli, poliziotti in trincea: “Questa è una guerra, ma noi non siamo soldati…”

domenica 1 Marzo 19:35 - di Redazione

Poliziotti sotto choc. ”Quanto accaduto stanotte a Napoli, fra rapine, ospedali devastati e sparatorie contro l’Arma, descrive uno scenario impensabile. In un paese moderno che voglia dirsi civile. Quella che si consuma da tempo immemore è una guerra vera. A suon di pistolettate esplose. Stanotte, nel pieno centro di una capitale europea,  delinquenti armati sono giunti con l’indescrivibile arroganza di una criminalità fuori controllo”.

Napoli, poliziotti in trincea: siamo in guerra

Parola di Valter Mazzetti, segretario generale dell’Fsp Polizia di Stato, dopo quanto avvenuto stanotte a Napoli. “E’ una situazione straordinaria e richiede misure straordinarie. Si può fingere che non sia così. Ma allora tutti continueranno a subire. E la battaglia per la legalità e la sicurezza sarà persa. La verità – continua –  è che in questa provincia si vive una situazione straordinaria. Che necessita di una risposta straordinaria. Prima di tutto con l’adeguamento di norme che consentano all’instancabilelavoro svolto dalle Forze di polizia di produrre risultati concreti. Duraturi, determinanti, invece di restare come una sola piccola goccia nel mare”.

“E’ guerra, e qualcosa deve cambiare. Bisogna avere il coraggio di ammetterlo e mettere in campo misure idonee. Con norme più stringenti, strumenti più severi, risposte giudiziarie più immediate. Pene certe e reali. Lo Stato deve riguadagnare la libertà per i cittadini su questa porzione di suolo italiano. E riaffermare la propria autorevolezza”.

”La realtà del capoluogo campano è talmente vasta e complessa – interviene anche Mauro di Giacomo, segretario provinciale Fsp Napoli – che non assomiglia ad alcuna altra del Paese. La criminalità è talmente diffusa, radicata, e fuori controllo – conclude – da permeare di sé la quotidianità di un popolo che vive giornalmente ogni cosa. Ogni gesto, ogni attività sotto al giogo della paura e dell’insicurezza. E gli appartenenti alle Forze dell’ordine continuano il loro lavoro a testa bassa. Ma è come se avessero armi spuntate, perché numeri, mezzi e norme non sono dalla parte loro e quindi dei cittadini”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Renato 3 Marzo 2020

    Tutto più che giusto, condivido pienamente. La libertà e la sicurezza del cittadino dipendono dalla severa applicazione delle leggi che lo governano. Il buonismo non c’entra, occorre fermezza e sicurezza della pena a chi trasgredisce.

  • Gianmarco Calderoni 1 Marzo 2020

    Possiamo ringraziare i buonisti di ier e di oggi… ricordate che volevano le FFOO senza armi ai tempi delle BR? Assurdo!!! Questi sono i risultati