I comuni sono vittime del bluff di Conte. Ai sindaci nessuno stanziamento aggiuntivo

martedì 31 marzo 12:52 - di Maurizio Gasparri
comuni

Allarme dai comuni. I sindaci sono il primo avamposto delle istituzioni. E sono quelli che stanno vivendo sulle loro spalle tutti i risvolti legati alla diffusione del coronavirus. Non c’è solo l’emergenza sanitaria da contenere. C’è anche la crisi economica da gestire. E quella sociale che sta per esplodere.

Covid 19, i comuni sono lasciati soli

L’assenza di liquidità sta facendo tremare i polsi dei primi cittadini. In troppi, soprattutto nel Meridione d’Italia, non hanno neanche i soldi per fare la spesa. Servono soldi, e servono subito. Ma a fronte di questo grido d’allarme, il governo ha invece scaricato sui sindaci degli oltre 8mila comuni italiani una responsabilità enorme. Spetterà infatti a loro distribuire le briciole. Molto poco generosamente concesse. Per far fronte alle necessità della popolazione. A dispetto di quanto aveva fatto intendere Conte, i soldi che verranno dati ai comuni sono semplicemente un anticipo del Fondo di solidarietà. Risorse che spettano comunque ai comuni italiani. E che vengono semplicemente anticipate. Tra l’altro, si tratta di soldi che i comuni hanno già ipotecato. Perché necessari per garantire i servizi minimi dell’ente.

Il bluff del governo Conte. Non dà fondi

Gli unici soldi che i sindaci potrebbero utilizzare sono i 400 milioni che gestirà la Protezione civile. Non ci sono carte, ticket o buoni spesa. C’è solo la drammatica realtà di un Paese allo sbando. E di un governo che non riesce a fare a meno della propaganda. E che lucra perfino sulla disperazione delle famiglie italiane. Spiace che il sindaco di Bari e presidente Anci, Decaro, si sia prestato a una pantomima. Che è un’offesa per i sindaci e per gli italiani in difficoltà. E ha avallato le misure prese dal governo. Invece di rigettarle al mittente. Ora non è il momento delle polemiche, ma nemmeno delle menzogne. Le cose da fare sono tante. E vanno in tutt’altra direzione rispetto a quella indicata dal governo. Basta ascoltare veramente i sindaci. Che chiedono interventi fattibili.

Un esempio? Ridurre la percentuale che i comuni mettono da parte ogni anno. Per garantire l’entrata dalle tasse. Si tratterebbe di intervenire sul Fondo crediti di dubbia esigibilità. Che quest’anno supera l’80% delle somme che i cittadini versano. Riducendolo fino al 30%, i comuni potrebbero utilizzare quanto avanza per offrire solidarietà. E sostegno alle loro comunità. Noi lo abbiamo proposto in un emendamento al decreto Cura Italia. Attendiamo il governo al varco.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica