Da Grillo parlante a Grillo silente. Il covid-19 ha reso afono l’Elevato

giovedì 19 marzo 10:55 - di Mario Aldo Stilton

Visto che da un paio di giorni altre testate sembrano accorgersi del silenzio assordante di Grillo, ripubblichiamo quanto scritto giovedì 12 marzo…

Da Grillo parlante a Grillo silente il passo è breve. Anche se non scontato. Il fatto è che basta un virus. Anzi, un coronavirus. E tutto cambia. Quasi come lo zucchero di Mary Poppins. Chissà che fine ha fatto Beppe Grillo. Chissà se e su quali pensieri superiori sta riflettendo, se e su quali scritti immaginifici sta ragionando, se e su quali racconti visionari si sta soffermando. Di questo vulcano in eruzione costante s’è perduta traccia. Sparito da radar e mappe. Neanche una sillaba. Roba da non crederci. Lui che il futuro del mondo ce lo ha raccontato con passione e geometrica precisione. Che ha sempre ricercato l’originalità della spiegazione. Lui sempre imprecante e gaudente e coinvolgente. E perciò capace di catapultare una legione di eccellentissime nullità dalla strada alle stanze del potere. Lui, che la rivoluzione dell’uno vale uno è vicina e che giammai nessuno resterà indietro. Lui, infine, così improvvisamente conciliante verso gli orridi piddini. Quelli che erano da eliminare politicamente e che improvvisamente mutano in leali e amicali partner. Lui, l‘Elevato, per autonoma, personale e insindacabile decisione, ha sempre parlato. Su ogni questione importante, davvero importante, il suo giudizio, la sua tagliente ironia non è mai mancata. Mai. Almeno fino ad oggi. Fino al tempo del Covid-19. Nessuna spiegazione, nessun teorema. Nessun complotto demo-pluto o multinazionale che sia. Nessun amletico dubbio. Nessuna istrionica recitazione. Nessuno streaming e nessun anatema. Silenzio totale. Nessun soprassalto d’amor proprio, se non patrio. Giusto per invitare a fare squadra, a farci forza. A chi gli ha creduto e a chi non l’ha mai digerito. Bastava un “Viva l’Italia” per chi soffre, per chi lotta, per chi spera. Ma niente. Da Grillo parlante a Grillo silente il passo è stato breve.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Borraccino Renato 20 marzo 2020

    da togliamo il diritto di voto ai vecchi e diamolo ai sedicenni al silenzio assordante, un leader che fa ridere. Dovrebbe solo vergognarsi delle corbellerie che ha raccontato e di come ha distrutto questo paese con i falsi miti delle scatolette di tonno che sono rimaste completamente chiuse ed auto-referenziate. Grillo solo un giullare, un comico, nessuna capacità da statista. Mi dispiace per le migliaia di cittadini che si sono fidati di lui. In questa emergenza il minimo che potesse fare era di far sentire la sua vicinanza al M5S invece è letteralmente sparito dalla circolazione. Ha abdicato in favore di Conte sdoganando il movimento a favore del PD e dell’UE cioè rimangiandosi completamente il suo ruolo di uomo anti sistema. Il siluro però l’ha preso l’Italia, è arrivato trasformandosi dal VaffaDay in PrendiloDay avendo in comune il luogo dove i due epiteti lo indirizzavano e cioè il posteriore ma non quello della politica bensì sempre più amaro e in perfetto allineamento con i suoi predecessori e cioè il deretano degli italiani.

  • FABRIZIO RUSSO 15 marzo 2020

    Si è dimostrato per quello che è, COMUNISTA ci ha delusi tutti, ha tradito ed ingannato il popolo ITALIANO, lui e tutti i COMUNISTI come lui devono essere estirpati, hanno tradito la COSTITUZIONE e devono essere processati. Altro non dico per non degenerare, ma questi attuali politici devono sparire.

  • giovanni vuolo 13 marzo 2020

    Andrebbe arrestato all’istante. Le sue colpe sono più gravi anche degli inquietanti crimini del figlio. Per salvare il fondo schiena, ha gettato questa Nazione nell’abbraccio mortale col PD, con Conte premier; il risultato è stata un’ecatombe, perché siamo rimasti senza guida, nel momento più drammatico.

  • Roberto Falomo 13 marzo 2020

    ….e pensare che mi ero fatto ammaliare da questo subdolo figuro……soprattutto quando, con trascinante veemenza, inveiva e lanciava strali contro il PD….Ed ora che il tempo galantuomo ne ha rivelato la sua vera natura è semplice riconoscere in lui l’emblema perfetto del voltagabbana….capace di andare a letto con chi, fino a pochi attimi prima di coricarsi, disprezzava come se fosse la peggiore delle pustole purulente. Vergognati Grillo….uomo senza dignità….privo di quelle fondamentali qualità che ci differenziano dagli animali…..ma in effetti …pensandoci bene…sei solo un pagliaccio……

  • alfredo nappa 12 marzo 2020

    Grillo parlante? No pavido grillo

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica