Coronavirus, positivi otto anziani ospiti di una rsa. Disposta la quarantena nella struttura assistita

mercoledì 11 Marzo 18:58 - di Redazione
rsa

Contagiati otto anziani ospiti di una rsa. Nella residenza assistita a Comeana di Prato sono infatti risultati positivi al tampone per la ricerca del coronavirus. I test sono stati effettuati a quindici persone della struttura, compresi alcuni operatori sanitari. Il tutto ha avuto inizio nei giorni scorsi dopo la positività di uno degli operatori paramedici della rsa. Hanno fatto i tamponi solo sugli ospiti che presentavano sintomatologie. La rsa ospita 38 anziani.

Anziani contagiati nella rsa, le disposizioni

In una nota congiunta Asl Toscana centro e Comuni di Carmignano  (Prato) e di Poggio a Caiano (Prato) comunicano di aver «disposto temporaneamente l’isolamento fiduciario». Il provvedimento è per tutti coloro che si sono recati nella rsa “Casa Accoglienza Anziani” a Comeana nei 14 giorni antecedenti l’11 marzo 2020».

Misura allargata agli operatori sanitari

Inoltre, la misura è stata allargata agli operatori sanitari. Per loro c’è la prescrizione «di recarsi nel luogo di lavoro utilizzando le dovute precauzioni prescritte dalle autorità competenti. E, una volta finito il turno di lavoro di rientrare immediatamente a casa senza nessun tipo di contatto con l’ esterno».

Quarantena per i contatti stretti degli anziani in rsa

Le prescrizioni sono oggetto di un’ordinanza firmata dal sindaco di Carmignano, Edoardo Prestanti, e dal sindaco di Poggio a Caiano, Francesco Puggelli. L’Azienda sanitaria ha inoltre disposto la quarantena della rsa di Comeana. Sta procedendo a effettuare le quarantene di tutti i contatti stretti dei pazienti. È stato infine sospeso temporaneamente il servizio di Centro diurno anziani nella stessa rsa. Decisa l’interruzione di tutte le procedure per nuovi inserimenti nella struttura.

Toscana, spesa a domicilio

Sempre in Toscana, la Regione ha assegnato tre milioni di euro alle Zone distretto e Società della salute. L’obiettivo è l’attivazione del servizio spesa a domicilio. Questo, a sostegno di anziani fragili e con temporanea limitazione di autonomia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *