Colombe e uova di Pasqua, crollano le ordinazioni. La preoccupazione delle aziende, da Bauli a Maina

sabato 28 Marzo 14:01 - di Redazione
colombe

E’ iniziato il conto alla rovescia per Pasqua, mancano due settimane, ma le vendite di uova e colombe sono condizionate da vari fattori negativi quest’anno. La riduzione degli spazi nei negozi sicuramente non è ottimale e probabilmente avrà un impatto sui consumi, tuttavia, al momento “è molto difficile fare valutazioni”. Lo afferma all’Adnkronos Michele Bauli, presidente della premiata ditta familiare specializzata nei cosiddetti dolci di ricorrenza, ma non solo.

“Nelle passate settimane i consumi si sono indubbiamente spostati verso prodotti di altro tipo e tutto ciò ha avuto un impatto anche in termini di vendite. D’altra parte, però – spiega l’impreditore – gli acquisti di uova e colombe avvengono solitamente molto a ridosso della Pasqua, quindi in questo momento è difficile fare delle stime realistiche”.

Paluani: lottiamo per sopravvivere

“Stiamo lottando per sopravvivere”. E’ il grido d’allarme che arriva dalla Paluani che negli ultimi quindici giorni ha visto annullato dalla Gdo il 20% degli ordini di colombe e uova di Pasqua. “Si tratta di merce già prodotta che dovevamo consegnare ma ‘i dolci da ricorrenza’ hanno visto drammaticamente scendere le richieste dei volumi già prodotti e le aziende oggi si trovano in una situazione veramente molto difficile”, dice Gianluca Cazzulo, direttore commerciale di Paluani.

“Per le uova il problema è ancora più grave, i bambini riceveranno meno regali dai parenti che non possono vedere”. A remare contro c’è anche l’impossibiltà quest’anno a comunicare le promozioni con volantini, per evitare che la gente si accalchi nei negozi. “Non ci sono molti canali alternativi di vendita, una possibilità è lo shopping online ma i numeri sono ancora bassi”.

Maina: annullamento degli ordini

“Negli ultimi 15 giorni abbiamo dovuto constatare che c’è stato il totale annullamento degli ordini. Ed è devastante per una azienda come la nostra che si basa su prodotti totalmente stagionali come colombe, panettoni e pandoro”. Lo spiega Marco Brandani, amministratore delegato di Maina, tra i maggiori player del settore che, ad oggi, segnala -30% della domanda di questi dolci da ricorrenza.

Melegatti: confidiamo nella tradizione

Melegatti è invece regolarmente in tutti i supermercati d’Italia. “Le nostre colombe sono presenti nei supermercati e nel nostro negozio online per contribuire a testimoniare, oggi ancor più di ieri, i valori della tradizione e dell’impegno italiano”, afferma Giacomo Spezzapria, presidente dell’azienda dolciaria Melegatti. “Mai come quest’anno avvertiamo la Pasqua come la vera rinascita di tutto il Paese e ci auguriamo che le imminenti festività coincidano con la ritrovata serenità delle famiglie italiane”. Le colombe Melegatti sono realizzate con il famoso lievito madre che dal 1894 viene ogni giorno rinfrescato. Alla stagione della Pasqua 2020 hanno lavorato 150 dipendenti di cui 100 lavoratori stagionali trimestrali.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *