Capitano Ultimo si schiera col sindaco di Messina: «La Lamorgese lo querela? Il nemico non è lui»

lunedì 30 Marzo 9:11 - di Massimo Baiocchi
Capitano Ultimo

Capitano Ultimo si schiera con Cateno De Luca, il sindaco di Messina, che si è scagliato ferocemente contro il governo. «Quello che per voi è un premio, per noi è una punizione e quello che per voi è una punizione per noi è un grande onore. Il vilipendio lo fa solo il coronavirus, il nemico è solo il coronavirus, non il sindaco Cateno De Luca».

Le parole del Capitano Ultimo

Queste le parole che il colonnello Sergio De Caprio, alias Capitano Ultimo, ha scritto in un tweet. E ha pubblicato un post del sindaco di Messina che ringrazia «tutti coloro che hanno solidarizzato con me per la denuncia di vilipendio sferratami dal ministro degli Interni».

«Vergogna di Stato»

Frasi che pesano, quelle dell’ex militare dell’Arma. Il Capitano Ultimo ha prestato servizio per 42 anni e ha catturato Totò Riina, non ha usato mezze parole. Dal Viminale qualche giorno fa la ministra Lamorgese ha annunciato l’intenzione di querelare De Luca per vilipendio allo Stato. Il sindaco aveva detto: «Siamo davanti a una vergogna di Stato, alla quale non ho contribuito e non voglio contribuire. Ho sentito alcuni miei ex colleghi parlamentari all’Ars chiedere di dichiarare Messina “zona rossa”».

La rabbia del sindaco di Messina

«Faccio loro i miei complimenti», aveva aggiunto. «Noi già stiamo morendo per la burocrazia. Non credo sia questo il momento giusto per avere a che fare con qualche altro burocrate che, al di là dell’indennità, non mette la faccia e non si assume alcuna responsabilità. Non abbiamo bisogno adesso di un’ulteriore sovrastruttura con cui avvelenarci».

L’appoggio di Capitano Ultimo

Altrettanto chiaro era stato il messaggio ai cittadini. «Sul mio territorio non si passeggia. Non si esce! Vi becco a uno a uno. Non vi posso impedire formalmente di uscire da casa? Bene, vi impedisco di passare sul suolo pubblico, non si esce da casa, né passiu né babbiu (né passeggiate né scherzi, ndr), non si esce. Dove ca… vai, torna a casa», ha concluso De Luca. Che ora, nel  suo scontro con la Lamorgese, ha un grande alleato, il Capitano Ultimo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • GIUSEPPE PANARELLO 6 Aprile 2020

    Anche se il suo agire è un po folkloristico , gli serve per farsi ascoltare,ha perfettamente ragione.

  • antonietta lupini 5 Aprile 2020

    noi abbiamo un grande sindaco ,lo stimiamo e lo difendiamo

  • Rosaria Fortunato 30 Marzo 2020

    Sono solidale con il Sindaco di Messina e con il Capitano Ultimo che lo sostiene.

  • corrao 30 Marzo 2020

    IL SINDACO HA RAGIONE , LA
    LAMORGESE CHE COSA FA X MIGLIORARE , DENUNCIA IL SINDACO CHE FA IL BENE DELLA SUA CITTA’!! SI FACCIA PIU’ FURBA E VEDA DI FARE SEGUIRE ANCHE GLI ALTRI SINDACI COME QUELLO DI MESSINA

  • Luciano Gargiulo 30 Marzo 2020

    Pieno appoggio al sindaco De Luca e al capitano Ultimo. Sono uomini di poche parole, e quelle che dicono sono le parole giuste.