Realizza mascherine di stoffa e le dona ai compaesani. Il sindaco De Carlo: grazie alla nostra Beppa

22 Mar 2020 11:44 - di Redazione
Calalzo
Sono state già distribuite a Calalzo di Cadore le prime mascherine realizzate a mano da “Beppa”, al secolo Giusy Vascellari, titolare dell’omonimo laboratorio artigianale in paese.
“Sappiamo che la cosa più importante è rimanere a casa, ma sappiamo anche che è difficile soprattutto per le persone anziane essere costrette a stravolgere la propria routine”, commenta il primo cittadino e deputato di Fratelli d’Italia, Luca De Carlo. “Per questo, grazie ai consiglieri comunali e al vigile comunale, oggi abbiamo distribuito le prime mascherine “fatte in casa” da Beppa agli anziani”. “Innanzitutto – prosegue – per dare loro un primo strumento di protezione, ma anche per sensibilizzarli sull’importanza di restare nelle proprie abitazioni e di proteggersi quando si va all’esterno”.

“Ho pensato di cucire mascherine e regalarle”

La consegna proseguirà anche nei prossimi giorni. “Molte persone sembra non abbiano ancora capito la gravità della situazione, e così ho pensato di cucire delle mascherine e di regalarle: in troppi si vergognano ancora a indossare queste protezioni, ma è assolutamente indispensabile oggi proteggersi dal contagio”, spiega Giusy. “È una questione di salute nostra, ma anche di rispetto per chi lavora e viene in contatto ogni giorno con decine di persone”.
Le mascherine sono lavabili e sono dotate di uno strato isolante. Sono realizzate con tessuti colorati all’esterno, per dare un tocco più “alla moda” e meno impattante rispetto alle tradizionali mascherine bianche. Possono inoltre essere portate per un paio d’ore, il tempo necessario per le compere e le attività urgenti. “Lo sappiamo, non è un prodotto sanitario o chirurgico, ma è comunque utile a proteggerci per quel poco tempo che dobbiamo passare fuori di casa. Dobbiamo infatti pensare anche a tutelare chi, dai commercianti come Beppa ai farmacisti a tutti quei titolari di attività indispensabili, oggi non può chiudere il proprio negozio e restare al sicuro a casa”, aggiunge De Carlo. “Un ringraziamento particolare va chiaramente alla Beppa per aver pensato a questi doni e per averli realizzati pensando alle fasce più deboli e agli anziani”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Domenico de santis 22 Marzo 2020

    che ” bello” sarebbe se l’esterno delle mascherine fosse tricolore

  • SUGERITI DA TABOOLA