Africani e rom si prendono le case popolari: il racket delle occupazioni lucra sul coronavirus

lunedì 23 Marzo 13:37 - di Luciana Delli Colli
occupazioni

Sciacalli in azione a Milano per appropriarsi delle case popolari e poi lucrarci sopra. In questi giorni, in cui tutti sono alle prese con le emergenze dettate dal coronavirus, infatti, in città è ripreso con forza il fenomeno delle occupazioni abusive. Le modalità sono sempre le stesse: nordafricani e rom in combutta sfondano le porte degli appartamenti, ci mettono dentro una donna nomade con prole al seguito, che è di fatto intoccabile, e poi aspettano il momento giusto per mandarla via e consegnare la casa occupata al vero destinatario. Un meccanismo criminale che Milano aveva già conosciuto e che era riuscita a debellare grazie alla collaborazione tra istituzioni, forze dell’ordine e cittadini. Ma che ora torna a prendere piede.

Il coronavirus rianima il racket delle occupazioni

A darne notizia è stata l’edizione milanese del Corriere della Sera. In particolare, il giornalista Andrea Galli, che firma l’articolo, racconta la vicenda delle case popolari dell’Aler in via degli Etruschi 4, quartiere di Calvairate-Molise. Sono considerate un “baluardo” – spiega Galli – grazie alla presenza di Teobaldo Rocca, inquilino 62enne e “capo riconosciuto dei difensori”. Rocca aveva messo in piedi un sistema di allarmi e controllo di vicinato che aveva tenuto alla larga il racket da questi palazzi. Ma anche quel sistema di tutela del bene pubblico e dei cittadini, ora, causa coronavirus, non regge più. E i “ladri di case” sono tornati, con quel metodo rodato e a prova di sgomberi descritto prima.

E ora ci si aspetta anche il ritorno degli antagonisti

Tra questo e i quartieri di Lorenteggio, Giambellino e San Siro nelle ultime due settimane, riferisce ancora il Corsera, sono state contate 45-50 occupazioni di questo genere. “Un conto da lasciare in sospeso, tanto probabilmente aumenterà”, sottolinea il giornalista, ricostruendo la “matrice mista” delle occupazioni con “nordafricani che creano varchi e romeni che si infilano” e avvertendo sulla concreta possibilità che ora si “rianimi quel fronte antagonista (che sulla pelle dei disperati crea propaganda), indebolito dalla catena di inchieste, arresti, denunce”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • arcidiaco mario 24 Marzo 2020

    siamo stufi di africani rom e tutti gli altri che delinquono tranquillamente nel nostro paese, è ora una volta per tutte di farla finita. chi vuole stare qui si deve comportare come noi, o meglio di noi. altrimenti fuori da qui!!!!

  • Ben Frank 24 Marzo 2020

    E intanto i baldi soldati dell’esercito (badogliano) italiota “presidiano” le strade, armati fino ai denti, per mandare a casa quanti vanno a passeggio per pigliarsi unaboccata d’aria… Ma andate aff…angrillo tutti quanti, badogliani dei miei cogl**ni! che paese del c**zo!

  • artemisia gentileschi 24 Marzo 2020

    Aspetta che finisca tutto ! Poi votiamo ! E poi ridiamo!!!

  • Silvia Toresi 24 Marzo 2020

    Altro che cacciarli via!!!!!! Questi delinquenti andrebbero fucilati!!!!!!!

  • eddie.adofol 24 Marzo 2020

    E’ quello he vuole la sinistra col pd aiutare gli africani a prendersi casa degli ITALIANI qui ci vuole una bella rivoluzione altro che in casa il pd sta sfidando l’opposizione alla guerra ma l’opposizione non reagisce x paura ma dove stanno i trecentomila fucili di BOSSI armiamoci e partite ve lo ricordate quel film di TOTO’ povera ITALIA in che è finita le prima pecore stanno all’opposizione tanto EMILIA o ROMAGNA basta che se magna.