Quegli irascibili consiglieri leghisti della Pisana accettino le critiche

giovedì 20 febbraio 13:53 - di Francesco Storace
Leghisti

Però così non va bene, cari leghisti della Pisana. Ci manca il sorriso del leader, i suoi bacioni da dispensare ad amici e avversari. Ora, siccome da questa parte del campo non siete tra avversari, dovete semplicemente accettare le critiche, soprattutto se fondate.
Perché vengono da chi non è in malafede, osserva i fatti e spera che i misfatti non ci siano mai. 

Quei leghisti che abbiamo difeso…

Ci siamo tirati addosso orde nemiche per difendervi nei momenti più delicati in regione. Se una vostra consigliera commette un errore politico, dovete rimproverare lei e non chi lo scrive.

E’ successo che ieri l’opposizione alla Pisana – per una volta unita – aveva chiesto la verifica del numero legale. Approfittando anche dell’assenza dell’ex leghista Cavallari – passato in maggioranza ed evidentemente già in dissenso con una coalizione che non rappresenta certo la sua storia politica.

La maggioranza sarebbe andata sotto

La maggioranza sarebbe andata sotto se non fosse rimasta in aula un’altra neoleghista, la solita Laura Cartaginese. Averlo raccontato su una testata locale, 7colli, per non disturbare un quotidiano nazionale come il nostro, ha scatenato il finimondo contro di noi, con tanto di comunicato al vetriolo nelle intenzioni anche se in pessima lingua italiana.

Basterebbe essere più accorti per evitare danni, tutto qui, e non commettere atti che servono solo a Zingaretti per respirare. In materia abbiamo tanta di quella esperienza che è davvero difficile spaventarsi per una nota diffusa alla stampa a tarda sera.

A quei consiglieri non chiediamo rispetto per noi – la riconoscenza è sempre figlia di madre ignota – ma per i loro elettori. E quando fanno cose buone non manchiamo di farlo notare. C’è chi è irascibile e chi invece ama scrivere e informare. 

Alla Pisana ne abbiamo visti assai di suscettibili che hanno dovuto placare i loro bollenti spiriti. Basta aspettare, se si insiste. Se invece si capiscono gli errori amici come prima.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza