«Non fate come lui!». Anche sullo spreco alimentare il Pd attacca il “mostro” Salvini

giovedì 6 febbraio 17:08 - di Elsa Corsini
Salvini

«Non fare come lui, non sprecare cibo per qualche like in più…». Il Pd è letteralmente ossessionato da Matteo Salvini. Pure in occasione della Giornata nazionale contro lo spreco alimentare il partito di Zingaretti non sa resistere alla tentazione di attaccare il leader della Lega, campione assoluto di cattive abitudini.

Spreco di cibo, arriva il video del Pd contro Salvini

Il gruppo dem alla Camera, infatti, ha confezionato e pubblicato sullasua pagina ufficiale di Twitter un video che ha come protagonista l’ex vicepremier. Intento, pensate un po’, a mangiare. Naturalmente è ritratto come cattivo esempio da non emulare. Il filmato, una trentina di secondi, contiene una carrellata di fotografie di Salvini, impegnato ad addentare una pizza, un hamburger, un cannolo, un’arancina, uno spiedino e così via. Il tutto condito da una musichetta frizzante per rendere il tutto divertente. Ma educativo, naturalmente.

Ma il tweet diventa un boomerang

Il testo dell’“artistico prodotto” lanciato sul social network completa l’operazione. «In Italia si sprecano 6,5 miliardi di euro di cibo ogni anno. Troppo. Contrastare le cattive abitudini è un impegno che prendiamo seriamente. Servono educazione al risparmio e buoni esempi. In trenta secondi vi mostriamo il primo da non emulare». Trenta secondi, tra il serio e il faceto, per mettere alla berlina il nemico numero uno su un argomento serio che non dovrebbe prestarsi a strumentalizzazioni e facili ironie. Goliardia? Non pare vista la collocazione ufficiale del video. Che si è trasformato presto in un boomerang. Il cinguettio è stato letteralmente sommerso di commenti non proprio entusiasti. Si va da “Non perdete occasione per mostrarvi deficienti» a un ben più documentato «Strane raccomandazioni da chi ha aderito al Ceta e all’importazione del grano duro canadese trattato col glifosato cancerogeno».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza