Migranti, Gino Strada al delirio finale: paragona Meloni e Salvini ai gerarchi nazisti

martedì 18 febbraio 10:58 - di Alberto Consoli
Gino Strada

Gino Strada al delirio finale. I decreti sicurezza e la loro “cancellazione” gli stanno facendo perdere il senno. Quindi, lancia insulti: “La differenza tra Meloni e Salvini? Anche tra i gerarchi nazisti c’era discussione fra chi rappresentava meglio la destra… Ho paura che, di fronte a un’assenza totale dell’opposizione, questa destra possa continuare a fare presa. La nostra società è a rischio”. E’ il ragionamento al di là di ogni senso logico. Il pulpito da cui Gino Strada sragiona è il solito ‘Circo Massimo’ di Massimo Giannini, da dove attacca i decreti sicurezza chiamand0 in ballo il nazismo.

Gino Strada: “i decreti Salvini sono leggi fasciste”

Strada non entra nel merito dei contenuti dei decreti Salvini. Spara e basta: “Io ritengo che i decreti Salvini siano delle leggi fasciste. Mi sarei aspettato da un governo civile semplicemente che li abrogassero in un attimo, invece di cercare di fargli il lifting”. Se si cerca di farlo ragionare, taglia corto. Abolire in toto quei decreti sarebbe un favore fatto alle mafie. Strada non accetta contraddittorio : “Le mafie non c’entrano niente con i decreti sicurezza”, dice spruzzando altro veleno: “Questo è tipico della diarrea verbale della destra populista“.

I suoi caposaldi sono fascismo, nazismo, razzismo. Per cui prosegue il ragionamento folle: “C’è una logica fascista e razzista non soltanto nell’opposizione ma anche nel governo”. “La logica che sta dietro a ‘Prima gli italiani’ è la stessa che sta dietro a  ‘America first’ e che stava dietro ‘Deutschland uber alles”. Strada lamenta poi l’ignavia del Pd: “E’ in parte succube, in parte ne condividono la struttura e l’architettura, in parte è imbelli, non in grado di rappresentare un’opposizione a questa ventata di razzismo e fascismo. Quello è il guaio”.

E ancora: “I residuati della sinistra non sono capaci di elaborare una risposta. Non hanno le palle per fare quello che andrebbe fatto in due minuti cioè abrogare i decreti Salvini“. Per Strada, insomma, non esistono iter prlamentari, discussioni in Aula, passaggi alle Camere. Aggiunge poi: “Non chiamerei quel pateracchio lì sinistra, è un’accozzaglia senza idee e senza morale”. Sulla ministra dell’interno Luciana Lamorgese, l’ideatore di Emergency dice: “Qualcosa è cambiato nei toni, ma se stiamo a vedere i toni quando la gente sta morendo… è pesante la cosa”. E aggiunge: “Ho paura che di fronte a un’assenza totale dell’opposizione questa destra possa continuare a fare presa”.

Mollicone: “Odio ideologico stalinista”

Un messaggio così non può passare: “Gino Strada ha necessità di un trattamento sanitario obbligatorio’, altrimenti continuerà nei suoi deliri razzisti”. La rabbia di Federico Mollicone va in onda  a breve guro d posta su Rai News 24. L’esponente di FdI presegue: “Si ironizza ma l’odio ideologico stalinista di cui è intriso, con il quale in maniera feroce attacca l’opposizione, come Giorgia Meloni,  è invece serissimo. E questi sarebbero i buoni? Un caso di estremismo pericoloso e antidemocratico“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • cardinale giuseppe 20 febbraio 2020

    Gino Strada è appena sopportabile per il suo impegno umanitario, quando invece parla di politica sprizza odio e violenza in ogni sua frase, non è certo un pacificatore di animi.

  • Marco Aurelio 19 febbraio 2020

    Se Salvini e la Meloni sono nazisti che cosa sono gli inglesi e gli australiani ?
    Per entrare nel loro paese ci vogliono i punti.

  • Giampaolo 19 febbraio 2020

    è sufficiente guardarlo in faccia per capire che individuo rappresenta.

  • Giuseppe Costantini 19 febbraio 2020

    Sig. Strada, mi sembra che lei stia esagerando: si pretende di aiutare coloro che provengono da paesi stranieri, considerando che per farlo, pagano altrimenti chi si azzarda ad effettuare questi attraversamenti che hanno causato circa 7000 morti?
    Siamo seri: da una parte c’è gente che paga per ottenere questo beneficio ma ci sono migliaia di morti alla faccia di chi ci guadagna.
    Smettiamola di fare i sostenitori di cause perse, aiutiamoli al loro paese: non vi rendete conto che sono inseriti nella nostra società per essere sfruttati?

  • Guido Baguzzi 18 febbraio 2020

    Ma guardatelo in faccia. Il suo volto è lo specchio della sua anima:
    emana odio, rancore, cattiveria. Che credibilità possono avere le sue invettive?
    Continui così che la nostra Giorgia a raccogliere sempre più consensi.
    Grazie

  • roberto 18 febbraio 2020

    non leggo nemmeno l’articolo, mi basta il titolo. ma un bel T.S.O. a questo elemento????????

  • Carpino Vince 18 febbraio 2020

    Questo signore gli serve davvero una cura specifica al cervello regional come uno di manicomio .

  • Sandro Cecconi 18 febbraio 2020

    Mi sembrava strano che il gemello dell’altro supercazzola Saviano non avesse affermato le solite sciocchezze di sempre. Ora si è messo in pari. Pertanto è venuto il momento che i due tacciano per sempre stanno bene così per almeno cento anni con tutte le loro elucubrazioni e panzane deliranti tipicamente staliniane.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza