L’indegno tweet di Selvaggia Lucarelli contro la Meloni: una gossippara che dà il peggio di sé

domenica 2 febbraio 11:43 - di Redazione
Selvaggia Lucarelli

Selvaggia Lucarelli sui social è un punto di riferimento. Scaglia tweet come frustate (in direzione preferibilmente di quelli di destra). Fa politica fingendo di essere opinionista. Fa la tuttologa fingendo di avere chissà quale background culturale. In realtà è un’ottima divulgatrice di amenità da chick-lit. Eppure la ritroviamo ovunque: come giudice di talent o come esperta virologa capace di erudirci sul coronavirus.

Selvaggia Lucarelli e il dovere di attaccare la destra

Ma non dimentica mai i suoi doveri di giornalista arruolata dal Fatto. Prendersela cioè con Meloni e Salvini. Ora uno ora l’altro. Ieri diceva: Salvini non può invocare sicurezza sul virus cinese perché è razzista. E oggi dice: Meloni non può criticare la foto delle sardine con Benetton perché lei non ha mai combattuto i poteri forti. E scrive: “La Meloni critica le foto delle sardine con i Benetton perché lei è quella che si è buttata in politica combattendo i poteri forti da sempre”.  A sostegno della sua tesi pubblica una vecchia foto di Giorgia Meloni accanto a Silvio Berlusconi che le sussurra qualcosa all’orecchio. Un po’ di malizia non guasta. Bisogna essere allusivi quando si tratta di donne avversarie salvo poi fare la vittima degli haters. Il messaggio sta nella foto. Che si vuol dire? Che Meloni deve tutto in politica a Berlusconi come una qualunque olgettina? Una che è uscita dal Pdl facendosi un partito per conto suo invece di restare a corte?

Selvaggia e i consigli a Berlusconi

Del resto la Lucarelli fa l’influencer sul serio. Ha dato anche consigli a Silvio Berlusconi su come gestire il suo profilo Twitter:  rispondere agli haters, twittare le sue barzellette, evitare di ritoccare troppo le foto e magari pubblicare immagini di gattini. Una che se ne intende.

Certo qualcuno non è d’accordo e replica: “Signora Lucarelli è davvero interessante come si sia mossa repentinamente in soccorso delle sardine, ma non abbia mai speso una parola nei confronti della Meloni per tutti gli insulti che le hanno dedicato. E non mi dica che sono off topic dato che lo è ampiamente anche lei…”. “Fortuna che c’è lei a difendere i Benetton, che tanto si prodigano per farci viaggiare sicuri sulle autostrade!”.

E ancora: “Chi bacia Soros e De Benedetti invece, lo fa per il nostro bene e che dio lo guardi”. “Il segretario di un partito insieme al capo politico di un altro partito. La sta mettendo sullo stesso piano dell’incontro tra un potente economico (e non solo) con un movimento autodichiarato NON politico? Va be’…”. Inutile cercare sul suo profilo un commento alla foto delle sardine con i Benetton. Non lo troverete. I poteri forti si assecondano tacendo e svicolando. Proprio come ha fatto la loquace cheerleader dei social. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Luisa 3 febbraio 2020

    E’ una povera sfigata.

  • andrea zanotti 3 febbraio 2020

    una ‘donna’ selvaggia di solito è bella ed intelligente ma spesso trovi delle cafone grasse , vecchie , saccenti , invidiose e certamente NON dentro alle venti donne più autorevoli tenute in alta considerazione internazionale ed amate in Italia .

  • Silvia 3 febbraio 2020

    Ma chi la segue?

  • Franco Cipolla 3 febbraio 2020

    Oggi tutti sono politologi. Ognuno pur di attirare l’attenzione spara ca…te a non finire, ma l’importante e’ andare contro la destra. L’importante e’ gettare fango su chi non si riesce a contrastare politicamente o con argomenti validi e sensati. Non propongono, non dibattono, sparano ca…te o fango a non finire. L’importante e’ generare confusione, caos, sparlare, profferire oscenità’ contro ogni etica morale, pur di apparire e non sparire nella assoluta vacuità’ della loro contorta e disperata esistenza.

  • Giuseppe Forconi 3 febbraio 2020

    Come dice il detto, morto un papa se ne fa un’altro, lo stesso accade con queste spazzolette, tanto ragazze come ragazzi che di punto in bianco diventano giornalisti di grido, durano da Natale a Santo Stefano e spariscono nel nulla, ma nel frattempo la loro specialita’ e’ ROMPERE.

  • remo balestra 2 febbraio 2020

    Cara Luccarelli, se tu avessi una decima parte della maturità,buon senso, educazione, rispetto della Meloni mi saresti quasi simpatica, ma dubito molto della tua intellighenzia comunista

  • In evidenza