Vent’anni fa moriva Bettino Craxi. Per la destra fu avversario leale, è la sinistra a odiarlo ancora

domenica 19 gennaio 6:00 - di Francesco Storace

Divisivo, direbbe oggi chi non vuole sbilanciarsi su Bettino Craxi, vent’anni dopo la morte. C’è un’ipocrisia trasversale, in chi lo amava e in chi lo odiava. Come se il tempo non dovesse mai mitigare i giudizi, più riflessivi magari. I neomaggiorenni di oggi ne hanno appena sentito parlare, travolti dal dilemma odioso tra statista e ladro. Vent’anni dopo – con tutto quello che abbiamo visto – solo un cinico può piegare la memoria di Craxi a malversazione. Ben altri si sono arricchiti apparendo onesti. A qualunque latitudine della politica.

Quelle monetine al Raphael furono un atto che oggi si può ben definire sbagliato, giustizialista, estremista. Un durissimo fallo di reazione di fronte alla mancata concessione dell’autorizzazione a procedere da parte del Parlamento nei confronti di Craxi. Oggi dobbiamo riconoscere l’errore di allora. Non per una santificazione postuma, di cui nessun politico può avvertire il bisogno. Ma per rispetto verso chi ha pagato oltre il prezzo che si poteva immaginare. Con il sacrificio da esule, anche se Marco Travaglio si ostina a parlarne solo come di un latitante. Ad Hammamet Craxi andò a morire, probabilmente di dolore.

Indecifrabile rapporto tra il Pd e la memoria di Craxi

Il partito socialista, come la democrazia cristiana e i loro soci di governo, furono messi al bando dalla stagione di Mani Pulite. E probabilmente troppi ladruncoli inquinarono la politica del tempo. Eppure, per troppi anni c’è stato un giudizio sbrigativo su quell’epoca. Alcuni furono bersagliati, altri salvati. A partire da chi prendeva quattrini oltreconfine, a est come ad ovest.

Il paradosso odierno è che fa il sostenuto chi la fece franca, per dirla con il linguaggio pestifero del dottor Davigo. Per non mostrare una coscienza che non ha, ci si vendica persino vent’anni dopo. Il rapporto tra Pd e la memoria di Bettino Craxi è qualcosa davvero di poco decifrabile. Il leader socialista è più odiato dalla sinistra che dalla destra, che sa essere generosa e leale con i suoi avversari, oltre i furori della contingenza politica.

Dalle nostre parti, ad esempio, resta indimenticabile quella notte di Sigonella. Provammo sincera ammirazione per quel capo di governo che schierò i carabinieri contro gli americani che intendevano violare la nostra sovranità. Oggi si inchinano tutti all’altra parte del mondo. Qualunque sia l’altra parte del mondo…

Una lite senza fine?

A sinistra, invece, c’è ancora rancore. Perché Zingaretti non va ad Hammamet? Tempo addietro su quella tomba ha portato un fiore Ignazio La Russa. Loro non ci riescono.

Almirante rese omaggio a Berlinguer nelle ore del decesso. E ricevette in via della Scrofa gli onori post-mortem di Giancarlo Pajetta. Nemmeno vent’anni sono bastati agli eredi del Pci per mettere da parte le rivalità di allora? Sono così sicuri di essere dalla parte del giusto? Fingono di non rendersi conto che a differenza di Craxi furono graziati dai suoi stessi magistrati.

Serenità nel giudizio storico su fatti e personalità: ma non ne dispongono. Sarebbe bastato un gesto. No ad Hammamet? Magari, poteva essere utile persino l’intitolazione di una strada nella sua città, Milano, per testimoniare la fine del rancore. In fondo, Beppe Sala è uno di loro e davvero sarebbe difficile gridare allo scandalo. Ma viviamo l’epoca in cui il rispetto è merce scaduta. Come certo massimalismo fuori corso.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giuseppe 21 gennaio 2020

    La supponenza, la tracotanza, l’invadenza in tutte le sfere della società civile di certi politici hanno portato un Pannella a dire che “almeno i democristiani sapevano stare a tavola”. Se chi cerca riparo all’estero non è un latitante che cos’è? Ah già, facevano tutti così…Non credo che il paese abbia da voltarsi indietro a rimpiangere certe figure, anche se oggi si constata che al peggio non c’è fine…

  • Carlo Cervini 20 gennaio 2020

    Era certamente uno statista, ma era un socialista e il socialismo è stata la rovina delle società da altre 150 anni…………….ha partorito mostri, nel nome dell’egualianza come il comunismo nel 1921, i social-catto-comunisti dal 1960 in poi e tutte le aberrazioni tipo Stalin e Lenin che hanno portato guerre, morte e tanta miseria in tutto il mondo.

  • pincarello pincarelli 19 gennaio 2020

    i grandi non hanno colore, men che meno politico

  • Aldo Primo Furno. 19 gennaio 2020

    HAI RAGIONE. CONDIVIDO. CIAO.

  • Francesco SIGNORE 19 gennaio 2020

    A venti anni dalla scomparsa del grande Bettino Craxi, i suoi nemici (non avversari) di allora, cialtroni comunistoidi di incerta fama, riescono a sembrare migliori dei loro epigoni di adesso. Tutti insieme sono la dimostrazione di che povera e miserabile cosa è diventata la sinistra che continuano a pretendere di rappresentare

  • Banchero Giuseppe 19 gennaio 2020

    Il PD è un partito di persone inique e stupide. Craxi è stato il nostro ultimo grande statista e solo gli stolti negano questa evidenza. Nonostante non sia mai stato un suo partigiano l’ho sempre rispettato come uomo e come politico. Inoltre è vergognoso che la sua salma non sia stata ancora trasferita in Italia, la sua Patria. Riposi in pace.

  • ROBERTO NATALI 19 gennaio 2020

    “Dalle nostre parti, ad esempio, resta indimenticabile quella notte di Sigonella. Provammo sincera ammirazione per quel capo di governo che schierò i carabinieri contro gli americani che intendevano violare la nostra sovranità. Oggi si inchinano tutti all’altra parte del mondo. Qualunque sia l’altra parte del mondo…” Su questo non sono per nulla d’accordo: “salvare” un terrorista che aveva sulla coscienza l’uccisone di un americano su di una nave, non mi sembra un atto da grande statista. Per il resto ok.

  • ALESSANDRO LEPRI 19 gennaio 2020

    Bravo direttore. Concordo pienamente con lei, specialmente sul comportamento dei sinistri. Grazie!

  • Domenico 19 gennaio 2020

    L’ARTICOLO DEL GIORNALE NON FA UNA PIEGA. METTE IN EVIDENZA LE COSE COME STANNO. L’ATTEGGIAMENTO E L’ODIO DEI PARTITI DI SINISTRA VERSO IL GRANDE STATISTA E’ INGIUSTIFICATO.QUESTI PARTITI, COME IL FU PARTITO CAPEGGIATO DA ANTONIO DI PIETRO SI STANNO AVVIANDO VERSO L’ESTINZIONE.

  • giovanni vuolo 19 gennaio 2020

    La memoria è sempre benevola, ma Craxi non fu quel modello irreprensibile della politica che oggi si celebra con tanta nostalgia, e poca obiettività. Certamente, rispetto ai Di Maio, ai Conti, agli Zingaretti, era un gigante. Ma non bisogna dimenticare quanto potere accentrò col suo PSI, con una percentuale minoritaria, in virtù di quelle logiche di governabilità (che oggi si vorrebbero restaurare). E si sa, il potere eccessivo, dà alla testa. E Craxi non si sottrasse a questa regola, e non fu certo un politico sobrio e trasparente. Statista? Certamente sì, ma il mio giudizio positivo si ferma qui; per il resto non ho rimpianti, se non quelle che nascono spontaneamente dal confronto con gli attuali politici di sinistra.

  • federico 19 gennaio 2020

    Avversario leale? Ma ci ricordiamo come maramaldeggiavano Fini &C? i cappi dei leghisti? i tg di Berlusconi? Finiti poi l’uno dopo l’altro sotto gli strali della “giustizia”, di Scalfari, Travaglio ecc.

  • Emanuela 19 gennaio 2020

    Perché i sinistri non parlano mai di Greganti? Che fine ha fatto?

  • In evidenza