Sondaggio Campania, centrodestra in vantaggio. Ma gli elettori hanno voglia di novità

mercoledì 8 gennaio 17:18 - di Redazione
sondaggio

Sondaggio o son-desto, scriverebbe Dagospia? Interrogativo più che legittimo a scorrere quello effettuato dalla Winpoll-Arcadia per sondare le intenzioni di voto degli elettori campani in vista delle prossime elezioni in quella regione. La sorpresa riguarda soprattutto il centrodestra, lo schieramento sfidante. Quello di centrosinistra è stretto (ma senza troppa convinzione) attorno all’uscente De Luca, più noto come Vicienzo O’ SceriffoA far da terzo incomodo, con il 26,2 per cento, i Cinquestelle, che nella Campania hanno trovato la terra per loro più generosa di consensi. Del resto, è qui che sono germogliati i vari Di Maio, Fico o esponenti di lungo corso come Carla Ruocco. Senza trascurare il ruolo esercitato sotto il Vesuvio da una misura come il reddito di cittadinanza.

Sondaggio: la coalizione di Caldoro avanti di oltre 3 punti

Cinquestelle e De Luca sono nemici per la pelle. La qual cosa consente al centrodestra guidato da Stefano Caldoro di dormire sonni abbastanza tranquilli. A turbarli, ma solo un po’, i distinguo di una big come Mara Carfagna. Era la lei la prima scelta di Berlusconi, ma ha risposto “signornò” e il rifiuto ne ha mutilato la strategia. La forza di Caldoro si basa soprattutto sui numeri del centrodestra e sulla sua compattezza. Il sondaggio lo dà al 37,3 per cento (Lega 18,8, FdI 9,7, FI, 8,8) fronte del 33,5 complessivo del centrosinistra.

Una sorpresa la forza di attrazione degli amministratori locali

Ma la sorpresa non è questa. Quanto piuttosto quella che vede salire tra gli elettori la voglia di cambiare pagina rispetto a quello che si annuncia come la terza replica della telenovela tra Caldoro e De Luca. Nel centrodestra l’ansia da cambiamento premia cinque giovani amministratori territoriali tra cui spicca il nome di Luca Capasso, sindaco di Ottaviano (25 per cento), tallonato da Giorgio Magliocca, presidente della provincia di Caserta (21). Più distanziati Antonio Di Maria, Domenico Biancori, rispettivamente presidenti delle province di Benevento e Avellino e quindi Costabile Spinelli, sindaco di Castellabate. Saranno le prossime settimane a dirci se il centrodestra punterà sull’usato sicuro impersonato da Caldoro o da una di queste giovani promesse.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza