Scuola discriminatoria? Bizzarra presentazione sul sito di un istituto romano: “Da noi ricchi e poveri”…

mercoledì 15 gennaio 15:23 - di Redazione
scuola

Si sa che la scuola in Italia è nel caos. Ma ora arriva anche la scuola discriminatoria? Accade a Roma Nord, dove sul sito di un istituto comprensivo si danno informazioni non richieste e non necessarie. “Nella scuola di via Vallombrosa, a Roma, ci studiano i figli delle badanti, precisamente delle badanti dell’alta borghesia romana che vive in via Cortina d’Ampezzo”. A raccontare la dettagliata descrizione degli alunni dell’Istituto Comprensivo di via Trionfale è il quotidiano Leggo che, in un articolo, scrive: “Sul sito della scuola, alla voce presentazione – si legge – si viene a sapere nel dettaglio a quale classe sociale appartengono i bambini che frequentano le singole sedi della scuola”. “La sede di via Trionfale e il plesso di via Taverna accolgono – si legge – alunni appartenenti a famiglie del ceto medio-alto, mentre il plesso di via Assarotti, situato nel cuore del quartiere popolare di Monte Mario, accoglie alunni di estrazione sociale medio-bassa.E conta, tra gli iscritti, il maggior numero di alunni con cittadinanza non italiana.

La scuola: “Accogliamo alta borghesia e figli di badanti”…

Ma sul plesso di via Vallombrosa si va, come se non bastasse, ancora più a fondo: “Il plesso sulla via Cortina d’Ampezzo – si spiega nella presentazione – accoglie prevalentemente alunni appartenenti a famiglie dell’alta borghesia assieme ai figli dei lavoratori dipendenti occupati presso queste famiglie (colf, badanti, autisti, e simili)”. Qui è detto male, ma probabilmente l’intenzione degli scriventi era di dire che i ragazzi studiano insieme a prescindere dalla classe sociale. Ma non l’hanno saputo dire.

I plessi della scuola divisi in due municipi

Il quotidiano Leggo scrive ancora: “Si tratta di informazioni solitamente non fornite dalle scuole. Ma in questo caso sono ben dettagliate, con lo scopo di descrivere la diversità dell’utenza tra un plesso e l’altro. Come si legge sul sito, l’utenza dell’IC via Trionfale è disomogenea perché i 4 plessi sono divisi nei due Municipi XIV e XV di Roma. L’ampiezza del territorio rende ragione della disomogeneità della tipologia dell’utenza che appartiene a fasce socio-culturali assai diversificate. Da qui in poi si va nel dettaglio: «La sede di via Trionfale e il plesso di via Taverna accolgono, alunni appartenenti a famiglie del ceto medio-alto, mentre il plesso di via Assarotti, situato nel cuore del quartiere popolare di Monte Mario, accoglie alunni di estrazione sociale medio-bassa e conta, tra gli iscritti, il maggior numero di alunni con cittadinanza non italiana». Chissà, magari ci sono genitori ai quali queste informazioni interessano. Altrimenti a che scopo scriverle?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica