Prescrizione, la denuncia dei penalisti: «Il ministero della Giustizia ci ha negato i dati»

21 Gen 2020 16:15 - di Francesca De Ambra
prescrizione

Il vertice di maggioranza sulla prescrizione è fissato per le 17. L’ora delle corride. Il copione delle polemiche della vigilia assegna a Renzi la parte del toro e a Conte quella del torero. Ma tutto lascia pensare che il primo non incornerà e che il secondo non sarà un vero matador. L’aria, insomma, è quella di una combine finalizzata ad occupare quanti più spazi possibili su un tema su cui il centrodestra è particolarmente attrezzato. Tanto più che a dargli manforte è scesa tutta l’avvocatura italiana.

Dura presa di posizione dell’Ucpi contro Bonafede

È di queste stesse ore, infatti, la dura presa di posizione dell’Ucpi, l’Unione delle camere penali contro il guardasigilli Bonafede. I penalisti sono stati costretti a presentare formale richiesta di accesso agli atti dopo che il ministero della Giustizia si è rimangiato l’impegno, si legge in una nota, «a fornire i dati sul numero dei provvedimenti che hanno dichiarato l’estinzione dei reati per intervenuta prescrizione con indicazione e suddivisione per titolo di reato». La denuncia dell’Upci è netta: il ministero «non ha consultato i dati sulla prescrizione prima di proporre la controriforma della prescrizione».

Conte: «Al vertice inseriremo la prescrizione nella legge-delega»

Chi invece ostenta sicurezza è proprio Conte. Parlando a Firenze, a margine dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’università, il premier ha scoperto le carte del governo. “Voi scrivete di prescrizione – ha detto ai giornalisti – ma oggi con la maggioranza ci riuniamo sulla legge delega per la riforma del processo penale. È una riforma più complessiva e articolata, ci sarà anche una norma sulla prescrizione. Confido che si possa trovare finalmente la piena condivisione». In pratica, si torna alla decisione del governo giallo-verde. Allora fu Salvini a voler agganciare l’abolizione della prescrizione alla riforma del processo penale. Abbiamo visto com’è finita: dal 1° gennaio la prescrizione non c’è più mentre la riforma del processo non c’è ancora. Ora la maggioranza giallo-rossa ritenta il gioco delle tre carte. L’occasione per Renzi di dimostrare di non essere un toro di cartapesta.

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA