Per i romani l’augurio di un nuovo anno senza la Raggi, la sindaca più inefficiente del secolo

mercoledì 1 gennaio 10:37 - di Andrea Giorni

Auguri ai romani, ne hanno – ne abbiamo – bisogno. Nel 2019, che ormai appartiene al decennio passato, ne abbiamo subite troppe. Purtroppo, anche a causa di un’amministrazione inefficiente.Ma non è solo colpa di Virginia Raggi.

La colpa è di una politica che non ha saputo dare risposte e sembrava che la soluzione potesse arrivare finalmente da quelli che promettevano il cambiamento.Che c’è stato. In peggio.Non basta non rubare (e qualcuno c’è pure cascato e sta ancora al posto dove l’hanno messo i rivoluzionari…). Bisogna essere bravi ad amministrare, avere una visione della città soprattutto quando si chiama Roma.

Nulla di nulla. Basti pensare alla tarantella sui rifiuti. Oggi festeggiano a Tragliatella, dove la discarica non si farà. Ma la Grande Monnezza torna dalle parti di Malagrotta, a Monte Carnevale. Sembra una presa in giro per gli abitanti della zona. Ma non solo i rifiuti ci fanno dannare. È triste una città destinata al buio da un’illuminazione scadente; è una Capitale priva di sicurezza.

È inesistente, a Roma, anche la politica per la mobilità. Passi per l’assuefazione al traffico; ma come si fa a sopportare autobus fatiscenti che si infiammano pure… E una metropolitana a singhiozzo, con stazioni chiuse una dopo l’altra e cittadini infuriati. Ma anche basta.Non vogliamo rovinarci il Capodanno.

Per i romani auguri speciali

Però gli auguri hanno senso se l’anno nuovo ci libera dagli inetti che oggi stanno al comando in Campidoglio. Sì, è vero che il mandato di Virginia Raggi scade fra un lunghissimo anno e mezzo – nel 2021 – ma nulla ci vieta di sperare che il miracolo accada e la porti a firmare una letterina di dimissioni, magari con la Befana 2020.Tranquilla, sindaca, non torneranno “quelli di prima”, anche perché tu non è che sei stata tanto più brava. Ma forse arriverà la competenza. E insieme l’umiltà, che è dote fondamentale per ascoltare la città. E anche l’esempio, che servirà a restituire l’orgoglio a chi lavorare per il Comune, senza sentirsi un burocrate mal sopportato. Auguri alla Raggi. Doppi se se ne va.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Forconi 5 gennaio 2020

    Ho mia figlia di 12 anni ben preparata nelle gestioni d’azienda, posso fargli fare la domanda per il posto di sindaco a Roma? Lei mi giura che potra’ fare molto e bene. Fatemi sapere dove inviare la domanda.

  • eddie.adofol 2 gennaio 2020

    ROMA E’ BRUTTA PERCHE’ CE’ LA RAGGI E I 5 STALLE ABBASSO A GRILLO E A TUTTI I PARASSITI DEI 5 STALLE. -PRIMA GLI ITALIANI VERACI-

  • In evidenza