Meningite, gli infettivologi: «In Italia 200 casi ogni anno. È sempre gennaio il mese record»

venerdì 10 gennaio 17:39 - di Redazione
meningite

Psicosi meningite. Una sindrome ricorrente in Italia. Quest’anno è toccato ai casi registrati, ben cinque, in provincia di Bergamo far scattare l’allarme. Di questi, quattro sono risultati correlati tra loro da meningococchi del sierogruppo C. «Per quanto i dati definitivi di laboratorio non siano ancora disponibili – sottolinea Massimo Galli, past president Simit (Società italiana di malattie infettive e tropicali) -, è verosimile che questi ultimi siano collegati tra loro». Il sospetto è che siano stati generati da una fonte comune. E se tra il 2010 e il 2016 i casi nel nostro Paese sono stati in media circa 200 l’anno, «gennaio è costantemente il mese con più segnalazioni». La spiegazione di questa stagionalità è evidente. Il meningococco, infatti, è trasmesso per via aerea e resiste poco nell’ambiente esterno. Il contagio è quindi facilitato da contatti stretti in ambienti chiusi ed affollati. La meningite, infatti, si propaga per contagio personale, il cosiddetto fenomeno di carriage.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica