Luca Sacchi, chiesto il giudizio immediato per tutti gli imputati nell’omicidio del giovane

venerdì 24 gennaio 15:06 - di Redazione
luca sacchi la fidanzata anastasiya

Luca Sacchi, finalmente si va verso una veloce giustizia. Giudizio immediato per tutti i sei imputati nell’inchiesta sull’omicidio di Luca Sacchi, ucciso nella notte tra il 23 e il 24 ottobre con un colpo di pistola alla testa davanti a un pub nella zona di Colli Albani mentre era in compagnia della fidanzata Anastasiya e di alcuni amici. La Procura di Roma ha chiesto e ottenuto il giudizio immediato per Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, i due ventenni di San Basilio, in carcere con l’accusa di concorso in omicidio, e per Anastasiya Kylemnyk e Giovanni Princi ex compagno di scuola della vittima, a cui viene contestato il tentativo di acquisto di 15 chili di droga insieme alla fidanzata di Luca.  Il giudizio immediato riguarda anche Marcello De Propris, il giovane che ha fornito la pistola a Del Grosso, accusato di concorso in omicidio, e il padre Armando per la detenzione dell’arma.

Luca Sacchi sembra completamente estraneo alla vicenda

La dinamica dei fatti si è faticosamente chiarita. Così come il movente. Il colpo contro Luca Sacchi lo ha sparato Valerio Del Grosso, che si trovava nel luogo dell’omicidio insieme con il suo complice Paolo Pirino. De Propris aveva fornito la pistola a Del Grosso. Infine, l’incontro con la ragazza ucraina, accompagnata da Luca Sacchi, e Giovanni Princi dovevasfociare per un acquisto di droga da parte di Anastasiya. Circa 70mila euro che erano nello zainetto di Anastasiya in cambio di 15 chili di droga. Ma Del Grosso, spinto dall’avidità, ha voluto trasformare l’incontro in una rapina. Per arrivare al suo scopo ha provato a spaventare i ragazzi e per questo ha chiesto la pistola a De Propris. Ma Luca Sacchi non si è spaventato. Ha reagito con veemenza e l’altro ha sparato. Il proiettile, secondo le perizie, lo ha ucciso sul colpo. Gli inquirenti, accertati questi fattgi, devono però ancora chiarire alcune cose. Ossia i ruoli dei songoli personaggi nello svolgersi degli eventi. Poi c’è anche il mistero del bancomat scomparso, la provenienza dei 70mila euro, la cassaforte di Sacchi svuotata e gli stessi rapporti tra i tre giovani.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza