Librandi: scrivete sulle vostre case “qui abita un antifascista”. Il sindaco di Milano lancia l’idea

domenica 26 gennaio 16:48 - di Redazione
Librandi

Sala chiama e Librandi risponde. Il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha trovato un modo molto singolare per replicare a quanto avvenuto a Mondovì. Qui sulla casa di Aldo Rolfi, figlio di una deportata dai nazisti (partigiana ma non ebrea), è apparsa la scritta “Juden Hier”. Sala ha scritto sulla sua porta di casa “Antifa Hier”, qui vive un antifascista. E ha postato su Instagram la foto della porta di casa sua con il cartello e il commento: “Qui vivo io”.

Il gesto di Sala, l’entusiasmo di Librandi

Un gesto che ha entusiasmato il deputato di Italia Viva Gianfranco Librandi. Librandi ha infatti invitato tutti a seguire l’esempio di Sala. “Seguiamo tutti l’esempio del sindaco di Milano Giuseppe Sala: affiggiamo la scritta ”Antifa hier” sulle porte delle nostre case e delle nostre aziende, nei luoghi dove viviamo e lavoriamo. In tedesco significa: ”qui c’è un antifascista”. Dimostriamo che l’antifascismo non è una definizione del passato né un’etichetta di maniera, ma un impegno costante e quotidiano che dobbiamo rilanciare ogni giorno, per non dimenticare. Lanciamo anche l’hashtag, provando a diffonderlo il più possibile sui social e nel dibattito pubblico: #AntifaHier”.

La scritta antisemita di Mondovì ha ricevuto una condanna unanime dal mondo politico e dunque il gesto di Sala appare come una strumentalizzazione divisiva. Tra l’altro il procuratore di Cuneo assicura che presto il responsabile del gesto sarà individuato. Per scovarlo lavorano Digos, Scientifica della Polizia, Ros dei carabinieri, oltre a decine di uomini dell’Arma mobilitati nel Cuneese.

«Si lavora a 360 gradi», ha sottolineato il magistrato come riporta il Corriere della sera.  Sono stati visionati i filmati della zona, in particolare quello di una telecamera posizionata proprio su via Rolfi, anche se l’inquadratura non è favorevole. La Scientifica sta analizzando i colori della scritta, per un’indagine tecnica che procede di pari passo con quella tradizionale: sentiti decine di testimoni, fra cui i negozianti di bombolette spray.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • antonio 27 gennaio 2020

    coppia di decerebrati

  • Massimiliano 26 gennaio 2020

    Io sulla porta della mia casa scriverò:”Qui abita un anticomunista!”.

  • In evidenza