La consulta (giallorossa) impone la restaurazione per via elettorale

venerdì 17 gennaio 6:00 - di Francesco Storace

Non è il popolo a decidere chi deve governare, in Italia è la Corte Costituzionale a stabilire chi deve comandare: sul referendum elettorale siamo alla restaurazione.

Si resta allibiti per quello che sta succedendo nel nostro Paese. La Consulta (giallorossa) conferma la strada che si segue, gravemente, in ogni Palazzo. Gli elettori devono restarsene a casa.

Per la Consulta il popolo non deve contare mai

E’ vietato scomodare gli italiani per recarsi alle urne a scegliere finalmente da chi essere guidati. E non possono nemmeno andare ai seggi per decidere sul referendum elettorale, come pure è accaduto altre volte. No, sei popolo e devi tacere. Non devi contare nulla. Io so’ io…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • massimo 20 gennaio 2020

    sSiamo alle solite….. La sinistra vuole comandare sempre in ogni campo. Processi farsa contro Berlusconi, e ad altri esponente dellqìa destra. Forzature per rimanere attaccati al seggiolino del potere.Indecorosamente aumenti di tass.. Dicono di dare 100 euro in busta paga e poi ne chiedono 200 di tasse. Possiamo avere un governo stabile in italia? no !!!! Da quando hanno esguito la cacciata del governo Berlusconi, si sono avuto elezioni farsa, e governicchi senza senso. Conte, Renzi Gentiloni… e cosa è successo? Legge Fornero con esodati senza pensione, tasse aumentate specialmente quelle regionali, sbarchi di clandestini arrivati alle stelle. aumento dei reati da parte di extra comunitari …. Insomma sarebbe ora di cambiare, FI, LEGA, FRATELLI D’ITALIA salvatici. non vogliamo una legge proporzionale con alleanze dopo il voto, ma un maggioritario puro. Chi ha preso un voto in più governa. Non vogliamo la dittatura comunista, ma la vera democrazia.

  • giovanni vuolo 18 gennaio 2020

    Io mi chiedo per quale motivo una sinistra che è minoranza nel Paese, debba continuare ad occupare le stanze del potere. Dai giornali, alla TV pubblica, alla magistratura, continuano ad imporre regole e modelli di “politicamente corretto”, ormai oziosi e stantii, pur avendo l’approvazione di uno scarso 20% della popolazione. La risposta potrebbe essere ricercata nella debolezza cronaca della destra, di fare piazza pulita quando è al comando. Difetto di autorità che afflisse Berlusconi, e continua a penalizzare la destra, troppo sensibile agli isterismi dei sinistri quando c’è il sospetto di voler penalizzare i loro prezzolati . È ora di finirla !!! Ove mai il centrodestra dovesse riapproparsi di quel potere carpitogli con manovre di palazzo, dovrà avere forza e determinazione nell’attuare un biblico repulisti, dei vari Fazio, Patronaggio, e soci. Altrimenti avrà tradito il mandato del proprio elettorato.

  • Rosa Roccatani 17 gennaio 2020

    devono solo vergognarsi questi incapaci magnacci, arroganti ignoranti e……..

  • Paolo 17 gennaio 2020

    Siamo in piena dittatura, la democrazia in Italia è solo un sogno

  • Renato Rimondini 17 gennaio 2020

    Certo è che ove Padri Fondatori quando hanno voluto limitare i poteri del Popolo lo hanno messo nella Costituzione. Si veda il divieto di referendum abrogativo sulle leggi fiscali. Non leggo che il Popolo possa essere fermato dalla Corte Costituzionale al contrario dovrebbe tutelare i Cittadini dagli inciucci legali di governo.

  • Nino 17 gennaio 2020

    Tutta la sinistra (politici, toghe rosse, sardine , vari “saviano”) stanno dimostrando che la democrazia è quella che vogliono loro alla faccia del popolo sovrano!!!

  • eddie.adofol 17 gennaio 2020

    l’ho detto e lo ripeto questa costituzione non va + bene- andava bene 50anni fa ma adesso bisogna cambiare alla svelta, bisogna indire un referendum x chiedere al popolo di scegliere tra la MONARCHIA e la Repubblica – il CASATO ce lo abbiamo il RE o la REGINA ce l’abbiamo che sono i SAVOIA, dai SALVINI dai MELONI dai BERLUSCONI, vi dovete mettere in testa che gli ABUSIVI di SINISTRA si sono organizzati molto bene e, non fanno passare nulla se loro non lo vogliono, allora le cose sono due ho ci prepariamo alla RIVOLUZIONE ho fare questo referendum che come avverrà la consulta non approverà mai. BISOGNA CACCIARE L’INQUILINO DAL QUIRINALE – ABOLIRE IL CSM – DEMOLIRE LA CONSULTA E STRACCIARE QUESTA COSTITUZIONE OBSOLENTA. — PRIMA GLI ITALIANI VERACI – poi i furbi/prepotenti e abusivi di sx-e

  • maurizio pinna 17 gennaio 2020

    Due brevi considerazioni. Raccontano che quando fecero leggere la bozza della Costituzione a Palmiro Togliatti, che era comunista ma tutt’altro che fesso, con il suo sorrisetto da piemontese furbo esclamo “Chi controlla la Consulta?” . Nel 1946 ci si accorse subito che il proporzionale puro era una PORCATA e allora con la L.148 si cercò di correggerlo, i compagni abituati alle ammucchiate dei governi Bonomi gridarono alla “legge truffa”. Ieri, mese “nevoso” della seconda era giacobina , il REGIME ci ha riportato indietro di 74 anni.

  • In evidenza