Gli asportano un tumore al fegato a 91 anni. In piedi il giorno dopo l’intervento

giovedì 23 gennaio 15:56 - di Redazione
tumore

È forte e gentile il signor Guido Portieri, proprio come la sua terra, l’Abruzzo. Vedovo e con tre figli, Guido è nato in un comune aquilano nel luglio del 1928, dove ancora oggi, da Roma, torna spesso per camminare, andare a funghi, raccogliere cicoria, allevare animali e coltivare l’orto con le sue mani perché, dice, «il sapore dei suoi pomodori è unico». A 91 anni suonati, però, e nonostante una vita all’insegna del salutismo, il vecchio Guido ha dovuto sottoporsi a un intervento chirurgico. E non per rimettere a posto il femore, operazione ricorrente a quell’età, bensì la rimozione di un tumore maligno del fegato di 9 centimetri per 7 localizzato nella zona centrale, nelle adiacenze delle strutture principali glissoniane.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

In evidenza