Fanta-Emilia, come la sconfitta di Bonaccini può portare il centrodestra al governo senza le urne

sabato 25 gennaio 14:04 - di Marzio Dalla Casta
Bonaccini

Cadrà o no il Conte-bis? Il day after delle elezioni di domenica prossima in Emilia Romagna esalta ed angoscia allo stesso tempo. Il centrodestra non ne fa mistero: se Bonaccini sarà disarcionato dalla regione più rossa d’Italia, un minuto dopo dovrà sbaraccare anche il governo. Al contrario, il mistero è tutto dalla parte delle quattro sinistre. Il premier e i suoi alleati ostentano mascelle serrate e carte copetissime. Ma tutto, a cominciare dal loro impareggiabile senso per la poltrona, autorizza a ritenere che non schioderanno da Palazzo Chigi neppure in caso di debacle elettorale. Anzi, ne approfitteranno per urlare il borrelliano «resistere, resistere, resistere!» che fa sempre tanta scena nei talk-show e poco bottino nelle urne.

La debacle di Bonaccini può aprire scenari impensabili

Non così se Renzi si muove e il Pd vuole. In tal caso, lo scenario post-Emilia sarebbe perfetto  per quella che il Gattopardo definirebbe «un’impercettibile sostituzione di ceto politico». Fuor di metafora, significa che il conto di Bonaccini lo pagherebbe il solo Conte. Rottamarlo è il sogno nel cassetto di Renzi. Ora che i Cinquestelle sono al tracollo sente che può realizzarlo. Ma ha bisogno di Zingaretti, il più interessato a favorire la metamorfosi del soi-disant avvocato del popolo da riserva della Repubblica in capro espiatorio. Diversamente, dovrà essere lui a togliere il disturbo.

Le convenienze di ZingaRenzi e le paure di Crimi

Insomma, o così o tutto a puttane, legislatura compresa. E siccome il voto politico immediato vanificherebbe il taglio dei parlamentari, nulla esclude che la sconfitta di Bonaccini riesca a convincere la sinistra a trovare più convenienti le urne che una prolungata agonia. Fanno eccezione i grillini, ora affidati al supplente della sesta ora Vito Crimi. Per loro vale il contrario. Meglio il “rompete le righe” e il sostenere chiunque pur di allontanare la resa dei conti con i cittadini. Dovesse accadere, ci troveremmo a parti completamente invertite: ZingaRenzi a invocare il voto e il centrodestra a rivendicare la centralità del Parlamento dopo esservi diventato maggioranza grazie ai transfughi del M5S. Sempre che, beninteso, Salvini sappia citofonare anche al Quirinale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giovanni vuolo 25 gennaio 2020

    Inutile citofonare alla casa di un sordo.

  • In evidenza