Chirurgia, tumore del retto asportato con robot: primo caso in Italia. La paziente già dimessa

martedì 14 gennaio 17:35 - di Redazione
tumore

L’ospedale l’ha già dimessa, e sta bene. È la prima paziente, 77 anni, sottoposta in Italia a intervento con accesso robotico attraverso l’ano per l’eradicazione di un tumore del retto. L’operazione è stata condotta dall’équipe del professor Emilio Morpurgo nell’ospedale Pietro Cosma di Camposampiero, in provincia di Padova. I chirurghi hanno utilizzato il Da Vinci Xi, l’ultima frontiera della chirurgia di precisione. Più precisa persino più della laparoscopia. In pratica, il chirurgo opera seduto a una console e utilizza dei comandi manuali (joystick) che azionano delle braccia robotizzate all’interno del campo operatorio. Pur essendo in presenza di un robot non si deve pensare a un intervento eseguito autonomamente da un computer poiché nella realtà, dietro ai successi di questa tecnologia, c’è sempre un chirurgo esperto. «Per talune piccole neoplasie – spiega Morpurgo – si può effettuare un’asportazione del tumore risparmiando il retto». Una novità rivoluzionaria.

È accaduto in Veneto: utilizzato il robot Da Vinci Xi

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica