Catanzaro, arrestato magistrato: vendeva sentenze in cambio di soldi, preziosi e prestazioni sessuali

mercoledì 15 gennaio 15:39 - di Redazione
CATANZARO , NELLA FOTO IL MAGISTRATO MENTRE CONTA I SOLDI DI UNA MAZZETTA

Aggiustava sentenze in cambio di prestazioni sessuali, soldi in contanti e preziosi, un magistrato, in servizio presso la Corte di Appello di Catanzaro, arrestato oggi con l’accusa di corruzione in atti giudiziari.
Assieme al magistrato di Catanzaro sono finite agli arresti altre sette persone. Per quelle “utilità” promesse e consegnate a più riprese dagli indagati. Accusati, anch’essi, di corruzione.

Catanzaro, contestata anche l’aggravante mafiosa

Le indagini, dirette dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro e condotte dalle Fiamme Gialle, era partite nel 2018.
Stamattina sono scattati gli arresti. Notificati agli otto indagatisette in carcere uno ai domiciliari –  in esecuzione di una ordinanza cautelare. Emessa dal Gip del Tribunale di Salerno .

Ad alcuni degli otto è stata contestata anche l’aggravante del 416bis. Vale a dire l’associazione a delinquere di stampo mafioso.
Il caso più eclatante è quello di Marco Petrini, magistrato in servizio alla Corte di Appello di Catanzaro.
Gli investigatori di Catanzaro, supportati dagli uomini del Servizio Centrale Operativo Criminalità Organizzata di Roma, parlano di una sistematica attività corruttiva nei confronti del presidente di sezione della Corte di Appello di Catanzaro. Che era anche presidente della Commissione Provinciale Tributaria del capoluogo di regione calabrese.

Sentenze favorevoli in processi civili e penali

In carcere, assieme al magistrato, è finito anche un avvocato del foro di Catanzaro. Mentre a un collega del foro di Locri è stata applicata la misura degli arresti domiciliari.

Dal presidente di sezione della Corte di Appello di Catanzaro gli indagati cercavano di ottenere sentenze o, comunque, provvedimenti favorevoli in processi penali, civili o in cause tributarie.

In alcuni casi i provvedimenti favorevoli richiesti a Petrini e, da questo, promessi erano diretti a vanificare, con assoluzioni o consistenti riduzioni di pena, sentenze di condanna pronunciate in primo grado dai Tribunali del Distretto di Catanzaro.
In altri casi provvedimenti di misure di prevenzione, già definite in primo grado. O, anche, sequestri patrimoniali in applicazione della normativa antimafia. Nonché sentenze in cause civili e accertamenti tributari.

Oltre al magistrato, una figura centrale del sistema corruttivo sarebbe stata un insospettabile medico in pensione ed ex-dirigente dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza.

Al magistrato arriva uno “stipendio” mensile

Oltre a “stipendiare” mensilmente il magistrato per garantirsi le sue funzioni, il medico si sarebbe dato da fare per procacciare nuove occasioni di corruzione. E proponeva a imputati o a parenti di imputati condannati in primo grado, nonché a privati implicati in cause civili, decisioni favorevoli in cambio di denaro, di beni o di altre utilità.

Le intercettazioni audio e video hanno documentato, ad esempio, i tentativi per riottenere il vitalizio a un ex-politico calabrese. Che, nel corso della V Legislatura regionale, ricopriva la carica di consigliere della Regione Calabria.
L’ex-politico, in quanto condannato nel 2014 a sei anni di reclusione, non era più beneficiario dell’assegno vitalizio per la carica rivestita.

Beni e utilità venivano anche offerti per agevolare, per alcuni candidati, il superamento del concorso per l’abilitazione alla professione di avvocato.

Le indagini hanno permesso di accertare la pesante sofferenza finanziaria in cui versava Petrini, il giudice arrestato.
Una condizione “cronicizzata”, scrive il procuratore salernitano Luca Masini. E assolutamente non risolvibile nel breve periodo.

Da qui la necessità del magistrato di procurarsi la disponibilità, oltre al suo stipendio e ai compensi come Giudice Tributario, di somme di denaro in contanti anche per mantenere l’elevato tenore di vita.
Nella sua abitazione i finanzieri hanno trovato e sequestrato 7mila euro in una busta.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Amerigo 16 gennaio 2020

    Complimenti alla magistratura italiana: D.ssa Saguto & soci, Dr. Petrini etc…….
    La parte migliore della Repubblica! Vogliamo controllare un po’ anche i magistrati che emettono sentenze contro gli Italiani, in genere?

  • renzo baldo 16 gennaio 2020

    se prendesse una decina di anni, dovendoli scontare, non potrebbe più “lavorare”. Due piccioni con una fava……..

  • giuseppe 16 gennaio 2020

    semplicemente incommentabile…. sbattuto in galera senza dimenticarci di buttare via la chiave…

  • MARCELLO 16 gennaio 2020

    Che vergogna! Un magistrato che si vende fa un atto di tradimento, perchè aveva giurato di applicare la legge ed invece la violava. Il tradimento va punito più severamente della semplice corruzione.

  • Giovanni 16 gennaio 2020

    Mettelo in carcere e buttate la chiave!!!!

  • federico 16 gennaio 2020

    Gratteri non se n’era mai accorto? Non aveva dubbi, sospetti?

  • anto 16 gennaio 2020

    Quindi verrà finalmente licenziato…..spero.
    Sotto la Pubblica Amministrazione chi commette reati “conserva” sempre il posto di lavoro. Nel comparto Privato uno viene licenziato anche se lavora (sul serio) facendo sempre il proprio dovere. Vergogna!!
    Ricordiamo chi nella Amministrazione Pubblica timbrava il cartellino andando poi in canoa o a fare la spesa al mercato. Finiamola con l’uso del termine “Sospeso dal servizio”; lo Stato “tiri fuori le palle” ed inizi a licenziare chi non lavora, chi compie reati ed a chiudere qualche “stipendificio” da milioni di euro annui.

  • In evidenza