Restituzioni M5S, i trucchi dei parlamentari per non pagare: “Detraggono pure le scarpe”

lunedì 30 dicembre 13:33 - di Redazione
m5s

Le recriminazioni degli attivisti, le minacce dei probiviri, le smentite dei diretti interessati e gli immancabili veleni. C’è tutto questo, ma non solo, nell’infinita pantomima delle restituzioni dei soldi al M5S da parte dei parlamentari grillini. Perché, in tempi di addii e nuovi gruppi, essere in regola o meno con i pagamenti diventa anche indicatore delle intenzioni politiche del singolo moroso.

Solo il 12% dei parlamentari in regola coi pagamenti

A fare i conti in tasca al M5S ci ha pensato il Corriere della Sera, che, dopo aver monitorato il sito tirendiconto.it, ha rivelato che solo il 12% dei parlamentari è in regola con le restituzioni. “È ovvio che si appresta a lasciare la casa natìa, lo farà con il portafogli pieno, senza aver versato balzelli vari a un Movimento nel quale non si riconosce più”, si legge sul CorSera. “È possibile – prosegue l’articolo – che un effetto collaterale dell’ultimatum (pagare entro il 31 dicembre) sia portare allo scoperto il nucleo di dissenso radicale”. Fra i morosi c’è un po’ di tutto: ribelli, ex ministri, ministri in carica, notabili di varia impostazione. Da Lorenzo Fioramonti a Federico D’Incà, da Nunzia Catalfo ad Alfonso Bonafede. Da Mario Giarrusso a Lello Ciampolillo, da Danilo Toninelli a Luigi Di Marzio, da Vito Crimi a Giulia Grillo. C’è poi il caso ormai famoso della deputata Yana Chiara Ehm, massacrata per le foto delle vacanze alle Maldive, quando ancora deve 23mila euro al Movimento. Tra loro c’è anche chi, come Carla Ruocco, contesta il fatto che il sito non sia aggiornato.

“Nel M5S mettono in detrazione anche i vestiti”

Comunque sia, l’elenco dei parlamentari che non sono in regola è così lungo che si fa prima a dire che solo 39 sono a posto. E pure fra questi vi sarebbe chi non la racconta totalmente giusta.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • VINCENZO DI TOLVE 2 gennaio 2020

    ATTACCATO ALLA GRANA DA BUON GENOVESE?
    SEMPER FIDELIS CON MARXI STIPENDI E IMPUNITI DAL’48:MICA PAZZI LASCIARE!
    Mi dice come fare cadere Conte II, se molti da nessuna parte troverebbero un Lavoro così? Paragone, si lamenta per essere stato espulso, forse qualcuno l’ha costretto ad allearsi con un Movimento che non è per niente né carne, né pesce, e manco Cristiano, ma solo una costola del PD per niente Democratici? Certo, che sì, Semper Fidelis, ma bastian contrari a tutto: i fatti Politici e odio e simile agli atti dell’ex PCI, che dal ’48 tiene per le palle il Paese, prima col PCI e dal 2011 dal vecchio Comunista Napolitano – Monti, che hanno dimostrato con Governi disastrosi il fallimento, guerra alla Libia con spreco di miliardi di risorse utili al Popolo, poi tartassati hanno causati fallimenti e migliaia di suicidi che, se fossero in Cina sarebbero tutti fucilati, nonostante avessero un Rettore della Bocconi, ma purtroppo, ad oggi, ha solo dimostrato ciucceria Politica con Conte II. In poche parole, questo è Governo è contro il Popolo come quello Cinese di Hong Kong, Cuba, Brasile Argentino e Venezuelano: meglio definirlo M5Somari? https://vincenzoditolve.wordpress.com/2020/01/02/semper-fidelis-con-marxi-stipendi-e-impuniti-dal48-mica-pazzi-lasciare/

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica