Nicola Porro all’attacco del Mes: «Vi spiego qual è la fregatura del fondo salva-Stati»

sabato 7 dicembre 13:35 - di Giorgia Castelli
Nicola Porro

Nicola Porro spiega che cosa è davvero il fondo Salva-Stati.  «Quando sono saltate le banche italiane abbiamo chiesto all’Europa di permettere al sistema di autosalvarsi. Ma l’Europa ha detto: “No cari, le banche italiane quando saltano le fate pagare agli italiani”».

A Stasera Italia, Nicola Porro attacca il Mes e spiega dati alla mano perché convenga molto di più alla Germania che all’Italia. «Sostanzialmente – spiega Porro – una serie di italiani hanno portato a casa le perdite. Che cos’è questa se non una tassa per avere investito e messo i propri risparmi nelle banche italiane? Però – aggiunge Porro – è successa un’altra cosetta. Dopo due anni due banche tedesche sono saltate. E una delle due è stata fuori di quattro miliardi. Quei quattro miliardi glieli hanno dati le Regioni tedesche e Berlino».

Nicola Porro contro il fondo Salva-Stati

Allora, non sono sovranista ma sulle banche sono avvelenato. Perché in Europa funziona così: quando falliscono le banche italiane  pagano i cittadini italiani. In Germania, se fallirà la Deutsche Bank, ci penserà il sistema tedesco a dargli una rete pubblica di sicurezza. La cosa non è indifferente. Perché se tu obblighi gli italiani a pagare subito per la banca, il costo che pagano gli italiani è molto più alto rispetto al fatto che arriva lo Stato e mette a posto le cose. E, quindi, cura la malattia. Qualche costo ci sarà per i contribuentei tedeschi, ma molto inferiore rispetto a quanto  sborseranno gli italiani. Le Regioni Lombardia, Piemonte e Veneto – chiede Porro – potevano salvare la Popolare di Vicenza? No. La Regione Sassonia può salvare la NordLB? Sì. E questa è una disparità di trattamento inaccettabile».

Mes

E alla domanda sul Mes, risponde: «Non si può non trattare in Europa per fare l’unione bancaria. Però bisogna trattare conoscendo i dossier, che non devono esser ideologici e facendo alleanze in Europa».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza