Mes, Tremonti: una catena di errori e orrori. Gentiloni rassicura ma Meloni non si fida

domenica 1 dicembre 18:22 - di Redazione
Mes

Sul Mes Giulio Tremonti, ospite della trasmissione di Rai3 Mezz’ora in più, attacca Conte con una frase sferzante: “Sta per fare l’avvocato che patteggia l’ergastolo per il cliente”.

Poi fa il punto sul fondo europeo Salva Stati e sulla ratifica del Mes: ”È una catena di errori e orrori fondamentali”. Quindi invita l’Italia a non firmare: “Sospendere il tutto, discutere sul futuro dell’Europa, rinviare la discussione sul futuro delle banche. L’Europa è una casa comune, non una banca comune”. Lo stop alla revisione, sostiene ancora, “non comporta niente”. L’Italia, continua Tremonti, ha pagato più degli altri e parla del Mes come “galleria di orrori fabbricata da élite di tecnici e da gente interessata, abbiamo pagato più degli altri. Devono smetterla”, conclude.

Giulio Tremonti non fa mistero del fatto che la riforma del Mes serve alle banche tedesche. Dunque  “con il Fondo salvastati si ripete la situazione del 2011, al posto della Grecia ci sono le banche tedesche. Volevano i nostri soldi e non volevano si parlasse di crisi bancaria”.

Mes, Gentiloni rassicura ma Meloni non si fida

Sul Mes in un’intervista al Corriere Paolo Gentiloni aveva detto parole rassicuranti: “Il compromesso è stato raggiunto nel giugno scorso. E,ripeto, non c’è alcun motivo tecnico o politico per definire quell’intesa un rischio per l’Italia”. “La posizione italiana la chiarirà il presidente del Consiglio lunedì alle Camere. Da Commissario europeo – ha aggiunto Gentiloni – posso dire che la riforma di cui si parla è stata fatta per introdurre un ombrello protettivo in caso di crisi bancarie non gestibili con gli strumenti attuali. Si tratta di un obiettivo positivo. Le modalità sono state negoziate tra l’autunno del 2018 e il giugno 2019”.

Le rassicurazioni di Gentiloni non hanno convinto Giorgia Meloni.  “Paolo Gentiloni – dice – è uno che da ministro degli Esteri ha tentato di regalare un pezzo di mare italiano pescosissimo ai francesi, senza ragioni, quindi dovrei fidarmi? Sulla difesa degli interessi degli italiani Gentiloni non è il mio punto di riferimento”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Luciano Motz 2 dicembre 2019

    Gentiloni, da premier, ha obbligato gli Italiani a pagare un prezzo per i sacchetti biodegradabili dicendo che lo voleva l’Europa. Una balla grande come un grattacielo, in realtà voleva fare cassa: fate un conto anche approssimativo di quanti miliardi di sacchetti si usano in un giorno e ricavate quanto incassa di IVA lo stato. Andare dietro a quello che dice Gentiloni è da fessi!

  • cosmo 1 dicembre 2019

    da semplice cittadino italino e piccolo risparmiatore per i figli, mi chiedo : l’art. 47 della costituzione itliana e ancora valido ?

  • In evidenza