Mes, il 10 dicembre un flashmob a Montecitorio contro il “Fondo Ammazza-Stati”

sabato 7 dicembre 15:27 - di Redazione
mes

Il 10 dicembre prossimo si terrà un altro flash mob a Montecitorio contro il Mes dalle 15 alle 17. Il Mes, Meccanismo europeo di Stabilità, nel linguaggio politicamente corretto, è chiamato Fondo Salva-Stati. Ma in realtà è un Fondo Ammazza-Stati, un Meccanismo di dittatura permanente. Una trappola finanziaria creata dai poteri finanziari globalisti. È sovraordinato agli Stati membri, all’Unione europea e alla Banca centrale europea. È una entità di creditori che imporrà ulteriore austerità tramite le famigerate riforme strutturali e leggi inique contro gli Stati debitori.

Il Mes strangolerà gli Stati che lo firmeranno

Il Mes è il meccanismo con cui gli Stati membri si impegnano incondizionatamente a pagare qualsiasi somma richiesta irrevocabilmente entro 7 giorni. L’Italia è coinvolta per 125 miliardi, di cui circa 15 già elargiti a piene mani. Se il premier Conte avesse firmato l’accordo e il Parlamento lo ratificasse, l’Italia dovrebbe sborsare un centinaio di miliardi che non ha. Dove li prenderebbe? L’italia possiede oro per un valore di 91,8 miliardi che, stando ai trattati, non sarebbe possibile usare per scopi di politica economica, ma nell’Europa germanocentrica dei figli e dei figliastri, i trattati sono carta straccia da calpestare tranquillamente senza suscitare neppure un briciolo di indignazione. Ma non è solo questa la domanda. Il Mes ha un fondo di 700 miliardi. Ma perché proprio 700? Da dove nasce questa somma? Chi l’ha calcolata e come? Secondo le esigenze di chi?

A quali logiche risponde il “Salvastati”?

Considerato che gli usurai non danno niente per niente, ci chiediamo: che cosa è stato offerto come garanzia di pagamento? I risparmi degli italiani o l’oro, dal momento che ”Da 40 anni anni la Germania vuole prendersi l’oro della Banca d’Italia”? E a questo proposito ricordiamo le parole di Draghi. La BCE ha “pieno diritto” di gestire le riserve auree italiane. Quello che viene dato in pasto alle sardine è che si tratta di un meccanismo per “salvare gli Stati in difficoltà”. In realtà si tratta di un espediente per saccheggiare quel poco che resta, come già accaduto in Grecia, dove la Germania, ad esempio, ha messo le grinfie su tutti gli aeroporti per una cifra irrisoria. Il Mes ha privilegi e immunità assoluta su tutto il territorio UE ed ha piena personalità giuridica potendo partecipare a processi legali, ma senza mai essere oggetto di processi legali.

E non è tutto. Nella misura necessaria per svolgere le attività previste dal presente trattato, tutti i beni, finanziamenti e le attività del Mes sono esenti da restrizioni, regolamentazioni, controlli e moratorie di qualsiasi natura. Insomma, il Mes, i suoi beni, finanziamenti, risorse, ovunque si trovino e chiunque li detenga godono di totale immunità da ogni forma di processo giudiziario. Solo il #Mes può eventualmente rinunciare ai suoi privilegi e alle sue immunità. La proprietà, il finanziamento e le attività del Mes, ovunque si trovino, sono esenti da perquisizione, requisizione, confisca, espropriazione o qualunque altra forma di sequestro. E da parte di qualsivoglia potere esecutivo, giudiziario, amministrativo o legislativo. Le sedi, gli archivi e tutti i documenti appartenenti o detenuti dal Mes, sono inviolabili. Ecco leprove. Art 31: tutte le attività del MES, patrimoni, redditi, proprietà, le sue operazioni sono esenti da qualsiasi imposta diretta. Tutte le merci importate da Mes per svolgere la sua attività sono esenti da tasse doganali, dazi, e da tutte le proibizioni o restrizioni all’importazione. Art 33: Il MES è autorizzato a cooperare con il Fmi, il Fondo Monetario internazionale, o qualsiasi organismo non appartenente all’area euro che fornisca assistenza finanziaria ad hoc.

(Fonte: riprodotto da Imolaoggi.it)

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica