E ti pareva: per il “Time” è Greta Thunberg la «persona dell’anno». Era meglio Checco Zalone

mercoledì 11 dicembre 17:41 - di Valerio Falerni
Greta

Evviva il lato comodo della storia. Chiedere per conferma a Greta Thunberg, 16 anni appena e già «Persona dell’Anno» 2019 per insindacabile giudizio della rivista americana Time. Un riconoscimento a dir poco scontato dopo che i potenti della Terra, chi più chi meno, hanno deciso di inseguirne le teorie sui cambiamenti climatici. È l’effetto di un mondo schizofrenico, che prima scommette sulle magnifiche sorti e progressive della scienza per poi abbracciare senza ritegno gli infondati allarmismi di una ragazzina con le trecce. Ma è davvero così o siamo in presenza di una gigantesca operazione di marketing?

Greta è un personaggio costruito in laboratorio

«A pensar male ci si azzecca», diceva qualcuno. E mai come in questo caso è vero. Basta leggere le motivazioni addotte dal Time per accorgersene: «Nel corso di poco più di un anno, una sedicenne di Stoccolma è passata da una protesta solitaria fuori dal Parlamento del suo Paese a guidare un movimento giovanile mondiale». Ma và. Certo, anche Napoleone era generale a soli 27 anni. Ma per lui parlavano le battaglie vittoriose, non gli scioperi autorizzati dai professori. E non aveva telecamere e microfoni al seguito. Greta, invece, lo capirebbe anche un bambino, è un personaggio realizzato in laboratorio. Una moderna Frankenstein assemblata con i pezzi putrefatti delle più viete ideologie anti-Occidentali, un mix ben dosato di pauperismo e terzomondismo.

Il trionfo del politically correct

In poche parole, il gretismo è il certificato di invalidità permanente di un’Europa senza orizzonte e inflaccidita dal benessere. Esattamente come l’estremismo era «la malattia infantile del comunismo» (copyright Lenin). La questione è tutta qui: l’Europa ha smesso di fare la storia e pronta e trova rifugio nelle confortevoli trincee del politically correct. Greta persona dell’anno è un surrogato per farci credere ancora vivi. Ma la storia della ragazzina con le trecce in lotta contro il mondo per un ambiente più pulito non tutti sono disposti a berla. Meglio di questa favoletta c’è l’ultimo film di Checco Zalone. Lui, almeno, la gavetta per diventare famoso l’ha fatta davvero.

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • maurizio pinna 11 dicembre 2019

    Alla presa del potere i soviet bolscevichi russi stabilirono che tutte le cariche e i riconoscimenti importanti dovevano andare ai compagni, anche se erano giovani e inesperti. L’ Esercito russo, che era ancora schierato contro i tedeschi sostituì i generali zaristi con i sergenti comunisti. I tedeschi che erano tattici abilissimi attaccarono immediatamente e al primo giorno penetrarono di 35 km nelle linee russe travolgendo ogni resistenza, si fermarono solo perché stavano finendo le munizioni. Per i comunisti ignoranti la Storia non è mai stata maestra di vita, per cui continuano imperterriti. Oggi l’ interprete di turno della sceneggiata rossa è una ragazzina femminista, piuttosto antipatica, petulante, presupponente, saccente e prepotente, che pensa di risolvere i problemi complessi con il modello comunista: colpevolizzare e insultare qualcuno, pensare quello che dovranno fare altri e poi, bontà loro, criticare ciò che è stato fatto. La solita , trita, tiritera del politicamente corretto.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica