Dl fisco, Lucaselli (FdI): «Governo sordo verso le imprese. L’economia è a rischio»

giovedì 12 dicembre 19:07 - di Redazione
Lucaselli

FdI contro il dl fisco. «L’appello dei presidenti di Confindustria di Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto sul decreto fiscale è un grido d’allarme reale del tessuto produttivo del Paese». Lo dichiara la deputata di Fratelli d’Italia Ylenja Lucaselli. «Come abbiamo più volte denunciato, il decreto fiscale mostra un approccio restrittivo, applicando il dogma “imprenditore uguale potenziale evasore”. Il quadro complessivo della manovra economica è l’apoteosi dello Stato esattore. Ovvero, l’esatto contrario di quanto necessario per far ripartire la produttività e la ruota del lavoro. Le imprese, questo, l’avevano sottolineato da tempo. Il governo non ha ascoltato e si prepara una fase dura per la nostra economia”, conclude la parlamentare di Fratelli d’Italia.

Dl fisco, l’allarme di Confindustria

Le misure previste nel decreto fiscale «rischiano di mettere fortemente a repentaglio l’esercizio dell’attività di impresa. Generano forte incertezza nell’attività d’azienda sotto il profilo giuridico. E allontanano qualsiasi nuovo investimento nel Paese». Lo sostengono in una nota congiunta i presidenti di Confindustria Piemonte, Lombardia Veneto ed Emilia-Romagna. «L’introduzione dell’ipotesi di confisca allargata – argomentano – porterebbe, senza alcuna sentenza neppure di primo grado, al blocco dei conti correnti aziendali. E dunque al blocco sine die delle attività ordinarie delle imprese, dal pagamento degli stipendi ai fornitori». Un attacco contro «lo strumento pensato per combattere la criminalità organizzata, applicabile anche nel caso di un ordinario controllo fiscale».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza