A Sanremo c’è la valletta pro-Islam. Diventa un caso la partecipazione di Rula Jebreal

domenica 29 dicembre 18:03 - di Redazione

Sanremo all’insegna del politicamente corretto? Sembrerebbe proprio di sì stando a quanto rivela Dagospia. E cioè che il conduttore e direttore artistico del festival al via su Rai1 il 4 febbraio 2020, Amadeus, sta valutando di farsi affiancare sul palco da Rula Jebreal.

Amadeus, secondo Dagospia, avrebbe incontrato la settimana scorsa in un famoso hotel di Milano la giornalista per chiederle di affiancarlo per una sera sul palco dell’Ariston. Lei avrebbe dato la sua disponibilita’. La partecipazione andrà in porto?

Sanremo, gli altri nomi di possibili vallette

Altri nomi in lizza per il ruolo di valletta di cui ha parlato lo stesso Amadeus al Corriere della sera sono quelli di Vanessa Incontrada, la compagna di Cristiano Ronaldo Georgina RodriguezDiletta Leotta. E ancora  Simona Ventura, Antonella Clerici e Chiara Ferragni.

Rula Jebreal, professionista dell’antirazzismo, secondo Il Giornale è una “prezzemolina cosmpolita del pensiero unico”. Le polemiche sui social hanno già preso il via. Con Marco Gervasoni che avverte i suoi follower:  “Aspettatevi un Sanremo pro clandestini, pro islam, pro lgbt, pro utero in affitto, pro sardine”. Un festival in piena continuità con quello dell’anno scorso dove il vincitore incoronato fu Mahmood. Ma fu la giuria ad assegnare la discussa vittoria e non il responso popolare.

Giornalista di origine palestinese, naturalizzata italiana, Rula Jebrael si distinse per uno scontro vivace con Nicola Porro, al quale si rivolse chiamandolo “uomo bianco sessista”. In attesa di conferme o smentite ufficiali, il giornalista de La VeritàDaniele Capezzone, ha bocciato l’idea di pagare con soldi pubblici la Jebreal per “spiegarci quanto facciamo schifo”. Critica subito condivisa dal filosofo, fondatore di Vox Italiae, Diego Fusaro.

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mario 30 dicembre 2019

    Questa Cabral o Jebral o che cazzo si chiami, é una ” Miracolata” che é venuta da noi ” idioti italiani” per dirci che facciamo schifo…e intanto la …paghiamo pure. Tutta colpa delle Merde della Sinistra…..venduta e senza ” dignità di popolo “. Ho 70 anni …ma se fossi stato più giovane …da questa mia ” seppur amata Italia” ..sarei andato via senza remore….

  • Delta 30 dicembre 2019

    Ma abbiamo fior fiore di donne belle e brave sopra menzionate e dobbiamo cascare su una tizia (Rula Jebrael) che metà italiani la vorrebbero sul rogo? Non è già abbastanza aver subito offese da questa “bella gnocca senza testa”, vogliamo continuare a sentirla per compiacere 4 polli sinistrati… BASTA… Vaffanculo il festival e la RAI

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica