Regionali, la penosa scusa di Di Maio per fare un regalo al Pd: «Ci presentiano dove siamo pronti»

11 Nov 2019 10:55 - di Redazione
Di Maio

Scappare, proprio come un vero “statista”. La patetica scusa di Luigi Di Maio per tirarsi indietro dalle prossime elezioni Regionali, Emilia Romagna e Calabria in primis. Ad Unomattina il leader del M5S tira fuori una motivazione poco dignitosa per chiamarsi fuori dal giudizio degli elettori: “In questa settimana avremo delle importanti riunioni. Come è sempre stato per il M5S, dove siamo pronti ci dobbiamo presentare”, argomenta Di Maio. “Dove abbiamo delle difficoltà, perché magari i gruppi non sono pronti, perché abbiamo delle difficoltà sul territorio, non c’è nessun problema a dirlo ai cittadini. Noi siamo nelle istituzioni da sei anni, non di più. Siamo una forza politica giovane”. Dribling maldestro.

Lo stridore degli specchi su cui si arrampica Di Maio è assordante. Il fallimento in Umbria, lo sprofondo dei sondaggi, le indicazioni della base, che non vuole vedere alleanze col Pd neanche in cartolina, sono i motivi reali di una ritirata non tanto strategica. I consiglieri regionali di Emilia e Calabria con i quali di Maio ha fatto il punto in questi giorni sono concordi: o si corre da soli o si muore. Il fatto è che, sondaggi alla mano, Anche presentandosi da solo il M5S è in drastico ridimensionamento. L’alleanza moratale con il Pd nell’esecutivo è stata la mazzata finale sulle finalità di un movimento che ormai ha perso il suo Dna.

Ritirarsi in buon ordine “dove abbiamo delle difficoltà” è una presa d’atto tombale. Una motivazione che nasconde malamente il panico assoluto, la perdita della bussola politica.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA