Quattro novembre, Fdi in Alto Adige per una Patria da difendere sempre

lunedì 4 novembre 6:00 - di Francesco Storace

Mai come ora Quattro Novembre. Per la difesa dei confini nazionali. Per riaffermare la nostra identità patriottica. Non passa lo straniero che vuol fare come gli pare. In terra nostra vale la legge dello Stato.

E’ il tempo in cui si sente il dovere di riaffermare parole d’ordine è una Storia. Ed è molto bello vedere che un pugno di parlamentari di Fratelli d’Italia eleverà a simbolo di lotta – con fatti e misfatti che accadono oggi – la bandiera tricolore. Ora e sempre.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Franco Coccolo 4 novembre 2019

    Cari amici, quando si superano i confini storico/linguistici e si entra in territori di altre patrie, senza tenere conto della identità delle persone che vi abitano,e creando incalcolabili disastri economici e sociali, vedi Trieste come era prima e cosa è ora, semplicemente si sbaglia. Purtroppo piaccia o non piaccia, questa è la realtà. Saluti

  • Carlo Cervini 4 novembre 2019

    Il 4 Novembre deve ritornare ad essere la Festa della Vittoria, costata ai nostri nonni e nonne ben 630.000 morti e circa 2 milioni di feriti, mutilati ed invalidi…………chi è contrario si lavi la bocca prima di parlare o scrivere.

  • maurizio pinna 4 novembre 2019

    In memoria di tutti i Soldati Nostri caduti nelle Missioni.
    “Fra le sabbie non più deserte sono qui di presidio per l’eternità i ragazzi della Folgore. Caduti per un’idea, senza rimpianti, onorati dal ricordo dello stesso nemico. Testimoni nella buona e nell’avversa fortuna dell’onore e della gloria. Viandante arrestati e riverisci, Dio dell’universo accogli gli spiriti di questi ragazzi in quell’angolo del cielo che riserbi ai martiri ed agli eroi”.

  • In evidenza