Parigi, distrutta la statua del maresciallo Juin. Quello delle “marocchinate”. Bravi gilet gialli…

domenica 17 Novembre 11:34 - di Antonio Pannullo
juin

I gilet gialli oggi sono un po’ più simpatici. Ieri hanno distrutto o comunque danneggiato la statua al maresciallo Alphonse Juin a place d’Italie. Il nome dirà poco, perché in Italia è proibito parlare dei crimini di guerra degli “alleati”. Ma il maresciallo Juin andrebbe considerato un autentico criminale di guerra. E sarebbe dovuto essere processato per questi crimini. Juin era il comandante delle truppe franco-maghrebine che si resero responsabili di atrocità inenarrabili in Ciociaria ma non solo. Le truppe africane nella primavera del 1944 violentarono migliaia di donne e un migliaia di uomini e bambini. Inoltre torturarono, razziarono e commisero violenza sulle popolazioni di interi Paesi, macchiandosi anche di esecuzioni sommarie. Tutto ciò è passato alla storia come marocchinate.

Rimuovere la statua di Juin da piazza Italia

Ora, che vi sia una statua a questo personaggio a Parigi, e per giunta in piazza d’Italia, appare un affronto intollerabile alle donne, ai bambini e agli uomini che patirono la violenza della sua soldataglia. La statua andrebbe rimossa e un primo colpo glielo hanno dato i gilet gialli nell’anniversario della loro prima manisfestazione. Amareggia leggere sui grandi giornaloni solo la notizia della vandalizzazione della statua di Juin e non la sua storia. Anzi, è stato pure scritto che fu l’eroe del Garigliano. In Francia poi fu premiato dopo la guerra diventando capo di Stato maggiore. La Nato, grata per i suoi servizi, lo nominò comandante per il centro Europa.

Le nefandezze di cui si macchiò il Corpo di spedizione francese in Italia non sono mai emerse né su di esse vi fu mai una campagna stampa. Né la magistratura militare italiana, sempre pronta a processare e condannare vecchi di oltre 90 anni, se ne è mai interessata. Tutto perché gli “alleati” erano i buoni, e tutti gli altri i cattivi.

Dio ci liberi dai “liberatori” come Juin

Dopo la battaglia della Valle del Liri, che consentì agli alleati di sfondare la linea Gustav, il maresciallo Juin concesse ai goumier francesi 50 ore di libertà. Questo perché a quanto pare questa soldatagliasi arruolò in base a un patto che prevedeva il diritto di preda e di saccheggio. Solo l’intervento di truppe canadesi impedì che la barbarie andasse ancora avanti. Le donne violentate contrassero numerose malattie a trasmissione sessuale, molte si suicidarono e vi furono casi di infanticidio di bambini nati dagli stupri. Il parroco di Esperia morì in seguito alle ferite riportate nello stupro. Ma in Italia non si parla di questi “liberatori”, chi vince ha sempre ragione e anzi gli si erige una statua. E proprio nella piazza intitolata al Paese che le sue truppe stuprarono e offesero. La statua di questo criminale di guerra deve sparire subito da place d’Italie.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Pedro pais 17 Dicembre 2019

    La verità verrà fuori, nonostante la resistenza dei “liberatori”.

  • Emiliano 18 Novembre 2019

    Il Generale Juin, autore di uno dei 4 strupri di massa più grandi d’Europa.
    (ratto delle sabina, “le marocchinate” , gli stupri dei russi su i tedeschi e le violenze della Bosnia ed Erzegovina)
    In italia 60.000 donne violentate e 1000 omicidi compresi bambini, il più piccolo aveva 7 anni. Stupri effettuati solo per risentimento nazionale francese.
    In Francia eroi in Italia stupratori
    Le général Juin, auteur de l’une des 4 plus grandes masses de roupies d’Europe.
    (le rat de la sabina, “le marocchinate”, les viols des Russes sur les Allemands et la violence de la Bosnie-Herzégovine)
    En Italie, 60 000 femmes violées et 1 000 meurtres, dont des enfants, la plus jeune avait 7 ans. Viol effectué uniquement pour le ressentiment national français.
    En France, les héros en Italie les violeurs