Ora si fingono poliziotti per delinquere: così a Roma un rumeno ha rapinato due turisti

venerdì 29 novembre 12:12 - di Redazione
rumeno

Ora si fingono addirittura poliziotti per delinquere indisturbati. È successo a Roma in pieno centro. Un rumeno si è spacciato per un agente per rapinare due malcapitati turisti, dopo aver chiesto i documenti.

Si finge poliziotto, arrestato un rumeno

Due turisti israeliani si erano fermati a Via Veneto per chiedere informazioni a una persona. Purtroppo sono incappati in un ladro rumeno di 37 anni intenzionato a rapinarli. L’uomo non ha esitato a fingersi poliziotto e mostrando loro un ”tesserino”. Quindi ha chiesto ai turisti di mostrargli il portafogli per un controllo e poi, con mossa fulminea, ha preso i soldi ed è fuggito via correndo.

Condannato a 1 anno e sei mesi

Le vittime però non si sono date per vinte. Contattata la polizia, lo hanno inseguito, aiutate da un uomo che aveva assistito alla scena. Vistosi braccato, il ladro si è rifugiato dentro un negozio nel quale è stato raggiunto e bloccato. La pattuglia del commissariato Castro Pretorio, ricostruito quanto accaduto, ha immediatamente arrestato il rumeno. Il 37enne dovrà rispondere dei reati di furto aggravato ed usurpazione di funzioni pubbliche. Ieri, dopo la convalida dell’arresto, lo straniero è stato condannato ad 1 anno e 6 mesi con misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Roma.

Non si contano nella Capitale gli episodi di rapine, minacce, aggressioni da parte di rumeni, spesso senza fissa dimora e con precedenti penali Talvolta si tratta di vere e proprie bande che agiscono nelle periferie e nel centro storico di Roma. Negli ultimi anni i rumeni sono risultati al primo posto tra gli stranieri per omicidi volontari, primi violenze sessuali, primi per i furti in abitazione, primi tra gli estortori e nelle rapine in esercizi commerciali, come dimostrano le elaborazioni sui dati del ministero dell’Interno. E hanno così scalzato il triste primato degli albanesi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza