“Le sardine infilatevele nel c***, poveri mentecatti”. Direttore Aler nella bufera

giovedì 28 Novembre 12:48 - di Alberto Consoli
Aler

Insulti volgari contro il movimento delle Sardine. Li ha pubblicati sui social network il direttore dell’Aler (l’azienda lombarda per l’edilizia residenziale) di Brescia-Mantova-Cremona, Corrado Della Torre. Tocchi le sardine ed esplode un caso nazionale. Il caso è esploso quando il Movimento 5 stelle lombardo ha denunciato i ripetuti insulti del direttore: “Le Sardine infilatevele nel c…” e ancora “Sardine già dal nome capisci che sono poveri sfigati mentecatti“.

M5S: “Il direttore Aler si scusi”

Dopo aver ricordato che Della Torre è “un leghista” della prima ora”, Nicola Di Marco (consigliere regionale M5S) ha attaccato: “Sono dichiarazioni becere e vergognose, Della Torre ogni volta che parla rappresenta un ente regionale di primo piano, non può parlare come un odiatore qualsiasi. Il Movimento delle sardine, al di là di quello che esprime, va rispettato soprattutto da chi riveste ruoli di vertice nell’amministrazione di beni pubblici. Aler Brescia merita di più di un leghista fanatico alla sua guida. Mi auguro che Della Torre si scusi e faccia un passo indietro, non può guidare un ente regionale”.

Il grillino Di Marco ha il coraggio di scrivere che “i nominati dal centro-destra mostrano enormi limiti nell’incapacità di essere super partes…”. Giù botte anche dal Pd, che si accoda, non sembrandogli vero.”Il direttore dell’Aler di Brescia Cremona e Mantova Corrado Della Torre è leghista e per come le cose vanno in Regione Lombardia questo è un titolo di merito per essere nominati negli enti regionali, come l’Aler […]. Ovviamente può pensare quello che vuole del movimento delle sardine, ma se lo scrive su Facebook è perché ritiene che ormai tutto si possa fare: non è così. Chiediamo al presidente Attilio Fontana e al presidente di Aler Brescia Cremona e Mantova di prendere le distanze da comportamenti che mettono in cattiva luce anche l’istituzione regionale”.

“Le sardine piacciono alla gente che piace”, dice e scrive in questi giorni Pietrangelo Buttafuoco. Nulla di più vero. Chi non piace, al contrario, merita di tutto e di più secondo l’etica distorta di buonisti e radical chic. Provare per credere sul gruppo Facebook l’Arcipelago della Sardine. Dove piovono insulti  contro Giorgia Meloni . Che non riferiamo. Non male per chi si professa contro l’odio, ma odia e insulta. Dove sono grillini e piddini che invocano le scuse da parte delle sardine maleducate?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Carpino Vince 29 Novembre 2019

    Ma che sardine una massa di nulla facendo che no anno altro da fare.fanno schifo niente altro.