Francesco Guccini canta ancora la “giustizia proletaria”: in Emilia deve vincere la sinistra

giovedì 14 Novembre 14:58 - di Domenico Bruni
francesco guccini

Francesco Guccini è piuttosto ottimista sul voto. “Mi chiedete come andranno le elezioni del 26 gennaio? Come andranno? Bah, spero che vadano in un certo modo, ossia come vanno tradizionalmente in Emilia Romagna. Staremo a vedere, un gran cambiamento non credo ci sia stato”. Lo ha detto Francesco Guccini durante la presentazione a Milano della sua raccolta di canzoni Note di viaggio – capitolo 1: venite avanti…. “Non sono a Modena dal 1960 – ha sottolineato il cantautore di Pavana -, Ci vado solo per il palio e per qualche amico che è rimasto lì. Io ora vivo in Toscana. Di cambiamenti ce ne sono stati sicuramente”. “Ho visto in tv il padre della Borgonzoni che dice ‘io voto Bonaccini e il Pd’ – ha aggiunto Guccini -. Quindi c’è questa antica base emiliana romagnola che va secondo quelli che sono i miei desideri e miei auspici, tutto sommato. L’Emilia è una regione di persone benestanti, governata bene, non credo cambi molto ma staremo a vedere”.

Francesco Guccini si schiera

Francesco Guccini invece si scalda parlando del caso Segre. Perché l’argomento lo conosce da decenni. Nel 1967, quando non ne parlava praticamente nessuno, lui già cantava i morti dei lager. Lui, che ha scritto una delle più belle canzoni sui campi di concentramento, Auschwitz. “È una vergogna che una sopravvissuta dell’olocausto sia costretta a viaggiare con la scorta”. Ha detto infatti Francesco Guccini sempre durante la presentazione a Milano della sua ultima fatica Note di viaggio – capitolo 1: venite avanti, commentando la vicenda della senatrice Liliana Segre. “Probabilmente verrò insultato sui social per questo – ha spiegato ancora Guccini – ma io non li frequento, dicano quello che vogliono. Si tratta di un episodio vergognoso, così come è vergognosa anche l’astensione che hanno fatto in Parlamento”. Guccini insomma si è schierato.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • federico barbarossa 14 Novembre 2019

    un cantautore che ha fatto i milioni con una bellissima canzone sui bambini che morivano a Auschwitz, non può dire che l’Emilia è di SINISTRA, l’EMILIA è , eventualmente, COMUNISTA e i Comunisti hanno ucciso 250.000.000 di persone….