Ferrara, la sinistra ha “regalato” 1,6 milioni di euro ai nomadi

sabato 2 novembre 17:16 - di Penelope Corrado

«Il caso del campo nomadi di via delle bonifiche è diventato un modello da seguire per tutta Italia. Un grande successo avvenuto soprattutto grazie a tutti coloro che, con noi, hanno creduto in una Ferrara diversa». Così il vicesindaco della città estense, Nicola Lodi sulla gestione del locale campo rom.

Da quando il centrodestra ha conquistato l’ex roccaforte rossa, si è cambiato registro. A cominciare da quello che era un vero e proprio ghetto. Un ghetto che al Pd andava bene. Per dirla con uno dei cittadini sulla bacheca Fb di Lodi. «Un ottimo progetto, chiusura del campo e distribuzione ed integrazione dei nomadi nella città, visto che sono italiani: da destra e da sinistra niente da dire».

Ma la giunta ha scoperto qualche scheletro nell’armadio della sinistra. Circa 1,6 milioni di canone che i nomadi avrebbero dovuto versare nelle casse del Comune di Ferrara e di cui invece non se n’è mai vista l’ombra.

L’inchiesta del Giornale

Lo riporta Il Giornale. I fatti risalgono agli ultimi trent’anni. “Al governo della città emiliana c’era Roberto Soffriti, allora esponente del Partito Comunista Italiano (poi Pds). Negli anni ’80, all’ombra del castello estense non esistevano aree di sosta autorizzate per i nomadi, che vivevano sparpagliati in alcune zone della città. “Versavano in una situazione di estremo disagio”, raccontano i volontari di quegli anni, “con un alto tasso di analfabetismo e in condizioni igieniche precarie”. L’amministrazione rossa decise allora di individuare in via delle Bonifiche un’area dove farli abitare e “favorire l’integrazione”.

Nessuno ha chiesto ai nomadi di pagare le utenze

Come nota il quotidiano diretto da Alessandro Sallusti, il Consiglio Comunale dell’epoca approvò un “Regolamento” che non è mai stato rispettato. Infatti,  «all’articolo 3 stabiliva che l’autorizzazione alla sosta era consentita “previo pagamento anticipato di un canone giornaliero per l’uso dei servizi (consumo acqua, energia elettrica, raccolta rifiuti) e versamento di una cauzione su cui rivalersi in caso di danni alle strutture del campo o di debiti non assolti”. I consiglieri assegnarono alla giunta il compito di emanare un provvedimento che determinasse “quanto” e “come” i nomadi dovessero versare l’obolo. Ma per 29 anni nessuno ci ha pensato. Una dimenticanza? Forse. Fatto sta che la svista ha prodotto un danno non indifferente per le casse comunali».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • mariella albertoni 3 novembre 2019

    Spendi quà e spendì là, l’Italia se continua così una brutta fine farà. Se non ci sono i soldi e se c’è gente a cui “regalare i soldi”, la fine dell’Italia è certa. Inutile stare a sentire la U.E. perchè a casa Italia non ci sono più soldi da spendere per accontentere Bruxelles. Al governo ci sono “”cattivi padri di famiglia”” che non sanno come si manda avanti la famiglia e spendono per cose che risultano superflue quando i soldi non ci sono.

  • Francesco Ciccarelli 3 novembre 2019

    Personalmente non credo che basti portarli fuori dalle loro luride baracche per integrarli: bisogna garantire il rispetto delle leggi per evitare accattonaggio, sfruttamento minorile, furti e tutte le “usanze culturali” degli zingari che, diversamente, continueranno a delinquere e lasceranno deperire l’alloggio che sarebbe meglio assegnare a cittadini meritevoli e onesti!

  • alessandro 3 novembre 2019

    Forse sarebbe ora che si controllassero anche le case comunali che sono state date a rom, nigeriani, e tutte le persone arrivate a Ferrara, (non Italiani), che le vecchie giunte di sinistra hanno accolto per farli votare.

  • eddie.adofol 3 novembre 2019

    Tanto c’è pantalone che paga tutti i debiti dei parassiti stranieri di tutte la razze ed Etnie
    sti comunisti dovrebbero andare tutti in galera e non uscirne più, sono la razza definita Zecca più arrogante ed eversiva di tutta la terra, PRIMA GLI ITALIANI VERACI- poi tutta l’altra merda puzzolente pdidiota.

  • In evidenza