Tutti progressisti i nuovi cardinali. Uno ha un barcone di migranti nello stemma

domenica 6 ottobre 19:24 - di Ezio Miles

Tra i nuovi cardinali nominati da Bergoglio  c’è anche monsignor Zuppi. È l’arcivescovo di Bologna noto per i tortellini al pollo. Zuppi è anche tra i cardinali non ostili all’Lgbt.

Sono d’impronta progressista i nuovi cardinali, come ricorda il Giornale.  Progressisti e pro-migranti.  Il belga Hollerich è anche intervenuto nella campagna per le europee. Contro i sovranisti, ovviamente. «Le sue dichiarazioni di ieri hanno interessato ancora l’agone della politica. Il neo cardinale, stando a quanto si apprende dall’Agi, ha rimarcato la necessità di”salvaguardare la democrazia, altrimenti i populismi e le loro promesse false torneranno Siamo dinanzi la costante della sua Weltanschauung». E , come riferisce il Primato Nazionale, è anche andato pranzo con il patron dei centri sociali Casarini. L’incontro conviviale era in onore delle on

Il cardinale canadese Michael Czerny ha fatto di meglio. Sul suo stemma spicca e un barcone di migranti. «Se è vero che in Vaticano esistono correntisimi, quindi, questo può essere definito il concistoro più progressista tra quelli che hanno avuto luogo in questi sei anni e mezzo. Se dovessimo contare alla maniera di un calcolo elettorale, scopriremmo che il Papa della Chiesa cattolica non ha i due terzi del sacro collegio, quelli che servono per l’elezione di un Papa, ma supera il 50% del totale per porporati creati, ben 67. E nessuno può dire che quello di ieri sia stato l’ultimo concistoro convocato dall’argentino».

In tutto i nuovi cardinali sono 13. Ma solo dieci potranno votare al prossimo conclave. Per questioni di età.

Compassione è la parola chiave nell’omelia del Papa per la creazione dei nuovi porporati: «È viva in noi la coscienza di questa compassione di Dio per noi? Non si tratta di una cosa facoltativa, e nemmeno, direi, di un ‘consiglio evangelico’. No. Si tratta di un requisito essenziale. Se io non mi sento oggetto della compassione di Dio, non comprendo il suo amore. Non è una realtà che si possa spiegare. O la sento o non la sento. E se non la sento, come posso comunicarla, testimoniarla, donarla? Concretamente: ho compassione per quel fratello, per quel vescovo, quel prete?… Oppure sempre distruggo con il mio atteggiamento di condanna, di indifferenza?».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Massimiliano Pulvano Guelfi 7 ottobre 2019

    Per quanto attiene a SE Rev.ma il Card. Matteo Maria Zuppi, andrebbe ricordato soprattutto per il suo essere stato sempre vicino ai poveri e agli emarginati, Un apostolato che continua ad esercitare con la Comunità di Sant’Egidio, che a Roma sua città di origine ha sempre praticato con tanta umiltà.
    Ancora con la storia dei “tortelli i al pollo” smentita oltretutto dalla stessa Diocesi con comunicato ufficiale? Mi rincresce dover leggere sul Secolo queste fesserie e prima di parlare una persona come Mons. Zuppi, abbiate se non altro l’accortezza di conoscerla.

  • Filippo.ARPAIA-tecnologo e ricercatore energetico 7 ottobre 2019

    A proposito di barconi, Direttore gradirei il suo sostegno per quanto segue:
    il Continente africano è oppresso da compagnie cinesi, americane ed europee, stanno creando danni immensi con progetti faraonici che aggravano ulteriormente la situazione: rubano e sprecano velocemente metalli preziosi e minerali (terre rare) costringendo validi giovani ad emigrare, impoverendo di risorse umane i Paesi di partenza, con conseguente scompiglio internazionale. Noi cristiani per porvi rimedio dobbiamo essere servitori competenti, proponendo e concretizzando progetti virtuosi. Occorre la collaborazione di tutti “in primis della Scienza” per far cessare i fenomeni climalteranti. Non dobbiamo aver paura di ricercare la verità, in sistemi e tecnologie innovative, esse servono per dare fiducia e speranza all’umanità. Non dobbiamo più tollerare il colonialismo nelle aree estreme del mondo, particolarmente in Africa. A. Resto in attesa di un suo stimato riscontro per poterci coordinare sul come e quando operare. Mi aiuti!

  • GIOVANNI TAGLIAFERRI 7 ottobre 2019

    CARI AMICI, SU BERGOGLIONE, LEGGETE LA PROFEZIA DI SAN MALACHIA, SECONDO LA QUALE, L’ULTIMO PAPA “BUONO” E’ STATO BENEDETTO 16°. PERTANTO,POTREBBE ESSERE BERGOGLIONE L’ANTICRISTO!

  • fabio dominicini 7 ottobre 2019

    Ma il Papa è in grado di comprendere che con gli attuali indirizzi politici va a provocare il distacco ,non dalla Fede ma dalla Chiesa, di quella parte dei fedeli , che sono in grado di ragionare ?
    Parla contro il populismo e sovranismo come un qualsiasi iscritto al PD !

  • Silvia Toresi 7 ottobre 2019

    Sì preoccupano dei migranti ma non delle proprie nazioni in difficoltà! Che cristianesimo è questo?

  • 7 ottobre 2019

    L’antipapa cerca con ogni mezzo di farsi la sua corte per rafforzare il suo potere e per demolire la Chiesa Cattolica.
    Bisogna che i veri fedeli cattolici aprano gli occhi e boicottano sia le varie funzioni al Vaticano e sia nelle tante chiese,covi di prelati disonesti e amorali.

  • Giuseppe Forconi 7 ottobre 2019

    Pensavate che fosse solo l’incapacita’ del governo per l’immigrazione ? Cosa mi dite del vaticano con il suo capo bianco che foraggia e aiuta i clandestini ?

  • In evidenza