Ticket, il compagno ministro minaccia l’esproprio proletario: «Chi ha di più paghi di più»

martedì 1 ottobre 19:04 - di Carmine Crocco

“Chi ha di più deve pagare di più”. Commentando le misure previste dalla nota di aggiornamento al Def, il ministro della Sanità Roberto Speranza (Leu) annuncia il principio con cui saranno rimodulati i ticket sanitari e fa sapere che “il Ministero quest’anno ha due miliardi in più nel Fondo sanitario nazionale nel 2020 rispetto all’anno precedente. Basta tagli e più risorse per il Sistema sanitario nazionale”. Speranza annuncia una sorta di esproprio proletario del Terzo Millennio. Negli anni Settanta i “compagni” rivoluzionari se la prendevano con negozi e supermercati. Oggi, che un loro giovane emulo in blazer ministeriale, può ben accanirsi con quelli che ritengono i “nemici di classe”.

“Abbiamo deciso di collegare alla Finanziaria un disegno di legge di riordino della materia dei ticket che è la modalità di compartecipazione dei cittadini alla spesa sanitaria. Lo faremo -minaccia – con un criterio di progressività: oggi non conta se sei miliardario o in difficoltà economica. Al di là delle esenzioni si paga lo stesso e credo che si possa intervenire secondo il principio che chi ha di più deve pagare di più, chi ha di meno deve pagare di meno”. Attenti al portafoglio.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Silvestro 3 ottobre 2019

    Perché adesso cosa stiamo facendo!!!! Non ci basta quanto paghiamo!!!!

  • Adriano 2 ottobre 2019

    I veri ricchi vanno già privatamente per tutti i motivi ed i vantaggi che conosciamo . Sarà quindi colpita solo quella classe media dalla quale i nostri compagni nazionali hanno sempre succhiato anche per dare ai molti pigri e furbastri a loro aggregati in cambio di voti .Suggerirei al Ministro visto che oggi con l’informatica tutto sarebbe possibile …Obbligare gli italiani a fare la spesa con una Card che abbia il Codice Fiscale ed applicare quindi in modo progressivo una IVA a secondo del reddito ( anche fino al 50- 100 % ).Contento esimio ministro ? Potremo saldare probabilmente il debito statale in pochissimo tempo ! ! Ha Ha !!! PS Le tasse allo Stato si dovrebbero pagare in una unica soluzione onnicomprensiva

  • FAUSTO 2 ottobre 2019

    PENSO SIA ARRIVATO IL MOMENTO DI PASSARE DALLE PAROLE AI FATTI. BASTA ESSERE PRESI PEER IL FONDO SCHIENA.
    TUTTI IN PIAZZA CONTRO QUESTO GOVERNO, LE SUE POLITICHE ECONOMICHE E IL REGIME POLIZIESCO CHE STA INSTAURANDO. TRA POCO VERRANNO AD INDAGARE ANCHE TRA LE NOSTRE LENZUOLA.
    I COMUNISTI CAMBIANO CAMICIA E COLORE MA LA SOSTANZA E’ SEMPRE LA STESSA. GUARDA HONG KONG, L’AMERICA E LA CINA STESSA, IL COMUNISMO NON E’ MORTO HA SOLO CAMBIATO PELLE.

  • giorgio 2 ottobre 2019

    ma scusate, gia’ adesso quando si va in qualsiasi farmacia a comperare le medicine prescritte dal medico con la ricetta vige il discorso del reddito, o nooooo?esisteno fin da prima le fascie di reddito, o nooooo?

  • bartolo 2 ottobre 2019

    hanno messo a ministro della sanità…questo coso che non sa riconoscere neanche una farmacia…peggio della lorenzin…poveri noi

  • vincenzi 2 ottobre 2019

    Prima voi vi riempite di soldi e posti anche futuri anche per figli mogli e parenti e amici, ma noi ci prendete in giro.

  • Carlo Papa 2 ottobre 2019

    Al di là del reddito o idee è auspicabile che si tenga conto del quoziente familiare….in Lombardia il centrodestra per contribuire all aumento della natalità aveva esentato dal ticket tutti i ragazzi fino ad una certa età
    .questa esenzione mi sembra che sia stata abrogata

  • maurizio pinna 2 ottobre 2019

    Caro compagno Stalin per cui vale il postulato INTELLIGENZA x posizione gerarchica = COSTANTE , STUDIA! I RICCONI si curano nelle cliniche o all’estero, NON TI RISULTA? Tu con un esproprio comunista TOGLI denaro al “ceto medio” che si ritrova negli stessi ospedali di prima ma paga di più, peraltro per i tuoi compagni islamici e gitani tutto gratis. Dice anche questo la TUA COSTITUZIONE? ELABORATA, basta contare i numeri della Costituente, da COMUNISTI per un PAESE con REGIME COMUNISTA, come è attualmente. Siete INSOPPORTABILI e non dico quello che penso perchè viviamo in uno Stato di polizia, come sotto gli Austriaci nell’800.

  • Mauro Collavini 2 ottobre 2019

    Il demente dimentica che chi ha di più già versa più tasse;

  • Emilio 2 ottobre 2019

    Basta con queste rapine. Chi ha di più ha già pagato di più, dato che l’imposizione fiscale e progressiva per scaglioni di reddito.

  • Mario 1 ottobre 2019

    Ma questo signore non lo sa che oggi esiste il Modello ISEE e che già si pagano le tasse in base al reddito? Qualcuno glielo spieghi a questo signore che oggi fa il Ministro della Sanità.

  • In evidenza