Marocchini ubriachi e armati di spranghe seminano il panico: pretendono di bere gratis

lunedì 7 ottobre 14:35 - di Redazione
migranti

Due marocchini ubriachi fin nel midollo e armati fino ai denti seminano il panico a Lamezia Terme. Dopo non poche difficoltà, i carabinieri hanno arrestato i due immigrati nordafricani in evidente stato di alterazione psicofisica. I due, che avevano abusato di alcolici fino al minuto prima, pretendevano di continuare a bere gratis a oltranza.

Marocchini violenti: vogliono bere gratis e aggrediscono il barista

I due marocchini, ubriachi e minacciosi, muniti di spranghe di ferro hanno cominciato a dare in escandescenze e a infastidire avventori del locale e passanti. Tanto che qualcuno tra loro ha pensato bene di dare l’allarme alle forze dell’ordine. Una chiamata al 112 ha informato della presenza dei due. E quando le due pattuglie dei carabinieri sono arrivate sul posto, hanno trovato il titolare del bar intento a difendersi dai due stranieri, facendosi scudo con un tavolino. L’aggressione, intanto, diventava sempre più violenta. Intervenuti, i militari hanno bloccato e disarmato i due marocchini, uno dei quali aveva nel frattempo ha anche tentato di scappare a piedi. Fermati, i due extracomunitari sono stati portati presso la casa circondariale di Catanzaro.

Azioni contro il regolamento della polizia urbana nella zona rossa

È successo tutto nella cosiddetta “zona rossa” di Lamezia Terme. Una zona in cui il regolamento di polizia urbana aggiornato di recente prevede che si applicano particolari sanzioni e misure ad hoc – come il divieto di accesso alle aree in questione – qualora vengano tenute condotte da cui possa derivare pericolo per la sicurezza. E in quanto a condotte minacciose e pericolose per la sicurezza e l’incolumità i due marocchini la notte scorsa si sono dati da fare…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza