L’Italia è nelle mani della Boschi: “Alleati col M5S? Per ora sì, dopo no”

sabato 12 ottobre 15:47 - di Monica Pucci

L’Italia è nelle mani di Maria Elena Boschi, delle sue intuizioni politiche, dei suoi messaggi trasversali a Zingaretti e Di Maio. Ma anche del suo doppio filo politico che la rende ventriloqua di Matteo Renzi. E’ lei, nella convention di Italia Viva, a dettare la linea. “Adesso stiamo lavorando insieme, alle politiche saremo avversari”, risponde la Boschi a chi le chiede dell’alleanza centrosinistra con M5s di cui ha parlato ieri Nicola Zingaretti.

La  Boschi frena le fughe in avanti di Zingaretti

La proposta di alleanza di Zingaretti con M5S? “Stiamo facendo un lavoro molto serio sulla legge di Bilancio, non si tratta di declinare l’offerta o meno. Stiamo al governo e in maggioranza insieme e abbiamo un impegno serio fino al 2023 che porteremo avanti nell’interesse del Paese. Ovviamente quando ci saranno le prossime elezioni politiche saremo avversari, come è naturale che sia”, aggiunge la Boschi, rispondendo ai giornalisti al suo arrivo al cinema Adriano di Roma per la kermesse di Italia Viva. “Non credo possa essere destabilizzante chiedere il rispetto degli impegni presi dalla maggioranza che hanno fatto nascere il Governo e che il Governo ha preso in Parlamento. Parliamo del no all’aumento delle tasse, del no all’aumento dell’Iva. Noi abbiamo dimostrato di essere seri facendo nascere questo Governo per il bene del Paese. In un momento di grande confusione e pericoli e continuiamo ad esserlo nei fatti, difendendo gli impegni presi dal Governo” ha aggiunto  la presidente dei deputati renziani di Italia Viva, firmataria con Renzi di una strampalata proposta di legge sulle fake news.

“Noi leali fin dall’inizio col governo”

“Noi vogliamo dettare un’agenda diversa. Non credo che se una forza politica chiede al governo di non alzare le tasse, non aumentare l’Iva come scritto nel programma, quella forza sia di destra”,sottolinea la Boschi. “Noi siamo leali con questo governo, Matteo Renzi è da agosto che ci mette la faccia su questo governo. Era giusto fare questo tentativo, quindi siamo leali ma non stupidi e non è che tutto quello che viene da Pd e M5S per forza ci deve andare bene. Noi portiamo le nostre idee”. E forse è proprio questo il problema.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza