La ricerca italiana scopre le terapie innovative per sconfiggere finalmente il cancro “incurabile”

martedì 29 ottobre 12:52 - di Marino Petrelli

Si può vincere il cancro

Su 58 pazienti pediatrici e giovani adulti, che avevano ricevuto tisagenlecleucel come trattamento contro la leucemia linfoblastica acuta a cellule B, con malattia in ricaduta o resistente ai trattamenti, si riscontra un miglioramento rapido di diversi aspetti legati alla qualità della vita già dopo un mese di trattamento. Miglioramenti che, scrivono gli autori, a partire dal terzo mese diventavano clinicamente significativi e persistono nei mesi a venire. 

In Italia le terapie avanzate rimborsate sono quattro e tre in fase di negoziazione con Aifa. Ma nessuna delle cellule Car T commercialmente disponibili viene prodotta in Italia. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha annunciato in audizione in Commissioni riunite di Senato e Camera, un investimento di 60 milioni di euro, prevedendo 10 milioni per ogni officina farmaceutica, almeno sei. Ma si parla di un numero anche maggiore, cioè per quei laboratori ad altissima tecnologia in cui verranno modificate le cellule immunitarie del paziente contro il cancro. L’Italia ha intrapreso la strada giusta, ma serve fare di più.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica